VERSO IL VOTO

Circolo Aternino, Mascia e la riapertura ‘tarocca’. Pd: «inaugurazione bis»

L’ex assessore Porcaro: «dal 2011 cinquanta eventi»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1382

Circolo Aternino, Mascia e la riapertura ‘tarocca’. Pd: «inaugurazione bis»

 


PESCARA. «Dalla Fabbrica delle Idee alle Idee in Circolo: il Circolo Aternino torna alla città». Con queste parole ieri mattina il sindaco Luigi Albore Mascia ha riaperto la struttura, dopo dieci giorni di chiusura al pubblico. Una trovata che non è piaciuta al Pd che ha ricordato come il Circolo sia stato in realtà restaurato e inaugurato dalla vecchia giunta D’Alfonso (oltre due anni di lavoro). Quindi una riapertura bis, dal sapore elettorale, contestano i consiglieri Paola Marchegiani ed Enzo Del Vecchio, dopo quella ufficiale del 2009. «Deve esserci sfuggito qualcosa negli ultimi cinque anni», dicono i due.

Del Vecchio e Marchegiani si domandano come mai Mascia non si sia accorto che la struttura era aperta negli ultimi 5 anni. Oggi la riconsegna alla città, «nelle stesse condizioni in cui è rimasto in questi anni è una ridicola e penosa trovata del povero Albore forse realizzata per farsi un po’ di pubblicità elettorale visto che prende botte da destra e da sinistra. Speriamo che dopo tutti i ceffoni ricevuti fuori e dentro la sua giunta, la maggioranza non si sia messa in mente di inaugurare tutte le opere che ha realizzato D’Alfonso».

Ma a protestare non c’è solo l’opposizione ma anche l’ex assessore della giunta Mascia, Giovanna Porcaro, uscita due mesi fa dalla squadra del primo cittadino: «il sindaco troppo preso dalle numerose inaugurazioni durante la sua campagna elettorale ha dimenticato che all’interno del Circolo Aternino, dal 2011, si svolgono puntualmente mostre, convegni, concerti, festival letterali ed eventi culturali di ogni tipo, promossi dall’assessorato alla Cultura del Comune di Pescara», gli ricorda Porcaro.

«In tre anni e durante il mio assessorato sono stati realizzati circa cinquanta eventi con l’intento di restituire uno spazio ai giovani artisti locali, che in passato hanno avuto difficoltà a far conoscere i propri lavori. Il taglio del nastro da parte del primo cittadino è stato alquanto inopportuno, tutti sanno che la sua conferenza stampa è arrivata in ritardo di tre anni».

«MANUTENZIONE STRAORDINARIA»

Il sindaco spiega che negli ultimi dieci giorni sono stati necessari lavori di manutenzione straordinaria «nonostante quei lavori conclusi appena nel 2009». I problemi da risolvere: infiltrazioni d’acqua, un ascensore che ha funzionato a singhiozzo, e perdite idriche dai servizi di riscaldamento.  «Dopo una serie di riunioni», spiega il primo cittadino, «ho deciso di riprendere in mano le sorti del Circolo e in maniera molto semplice e naturale ho deciso di affidare la direzione alla direttrice dell’Aurum, Annarita Della Penna». (nessuna indennità aggiuntiva è prevista).

Come primo provvedimento, con la direttrice, Mascia ha disposto la chiusura per soli 10 giorni del Circolo per l’esecuzione di lavori di manutenzione straordinaria «necessari e imprescindibili per dare piena agibilità alla struttura. E da oggi riapriamo, dunque non ‘inauguriamo’, ma riapriamo alla città il Circolo Aternino affidandoci a un evento che vede protagonisti i ragazzi dell’Associazione Diversuguali di Gianna Camplone, con un laboratorio musicale, e con l’artista Leo Strozzieri che inaugurerà la sua Personale dal tema ‘Nutrimento’».

«Per il rilancio del Circolo – ha spiegato Della Penna –ci concentreremo soprattutto su iniziative tese a recuperare la storia, le origini, e per tale ragione ho già instaurato delle collaborazioni con l’Archivio di Stato e con la Sovrintendenza Archivistica regionale».