VERSO IL VOTO

Elezioni Pescara, Testa: «tutte le scelte concordate con i cittadini»

Alessandrini: «la gente ha voglia di cambiamento»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2780

Elezioni Pescara, Testa: «tutte le scelte concordate con i cittadini»





PESCARA. Nuovo Centro Destra, Udc, Rinascita Popolare, Pescara in Testa.
Sono queste le forze che, al momento, sostengono la candidatura a sindaco di Pescara di Guerino Testa. Sabato mattina l'alleanza è stata presentata da Testa e dai rappresentanti della coalizione elettorale: la senatrice Federica Chiavaroli, Nedo Poli, Ermanno Ricci e Vittoria Colangelo, che hanno partecipato alla inaugurazione del primo comitato elettorale, in via Nicola Fabrizi, al civico 200.
«Nelle liste», ha spiegato Testa, «non ci sono solo persone che hanno già avuto un'esperienza in politica e consiglieri comunali uscenti ma uomini e donne che amano Pescara e vogliono scendere in campo per lavorare per la città».
Evitando di fare un discorso «sugli obiettivi da raggiungere nei primi cento giorni» e di sciorinare «un programma precotto o un libro dei sogni», Testa ha detto che per Pescara «faremo qualcosa ogni giorno, facendo emergere quella sana pescaresità che è mancata in questi anni. Tutte le scelte dovranno essere concordate con i cittadini e le associazioni, portando avanti un dialogo costruttivo».
Massima attenzione su una serie di temi tra cui il «commercio, con una giusta viabilità, e le infrastrutture», solo per citare delle voci del programma, che si sta mettendo a punto con il coordinamento dell'ex sindaco Carlo Pace e per il quale si stanno raccogliendo «idee, input e suggestioni, a corredo della nostra idea di città».

LA COALIZIONE
Testa ha fatto riferimento, su richiesta dei giornalisti, ai rapporti con il resto della coalizione di centrodestra. «Abbiamo fatto di tutto per trovare l'unità e l'obiettivo si poteva raggiungere con le primarie, lo strumento più giusto. Altrove, in altri Comuni, abbiamo stretto alleanze e mostrato grande senso di responsabilità mentre qui a Pescara è stata privilegiata, da altri, la logica romana, che non condivido. Ciò che vogliamo in questa fase, ma anche dopo, è allontanarci dalle logiche di partito e di palazzo avvicinandoci di più ai cittadini, che chiedono cambiamento. Ci facciamo carico delle richieste dei pescaresi, ogni giorno (lo dice la nostra storia), e per noi il concetto di insieme è fondamentale. Vogliamo costruire una città a misura di tutti e se ci si mettono testa e cuore i risultati arrivano».
Parlando dei candidati che comporranno le liste Federica Chiavaroli ha sottolineato che non si tratta solo di persone che sono state «nelle istituzioni. Con noi ci sono persone che, con passione e coraggio, ci mettono la faccia perché pensano che in città si può cambiare».
«Mi piace questo modo di affrontare la campagna elettorale - ha esordito Poli - e di scegliere persone che non vengono dalla politica ma hanno qualità e capacità. Purtroppo lo scenario è frammentato, ma noi puntiamo al ballottaggio e cerchiamo di cambiare il volto del capoluogo adriatico».
«Pescara, ha aggiunto Ermanno Ricci, va rilanciata immediatamente. Dal nostro movimento cattolico assicuriamo pieno sostegno a Testa, sia se saremo eletti sia se non lo saremo. Pescara deve tornare a sorridere».
«E' un progetto in cui credo fortemente - ha commentato infine Vittoria Colangelo - e stanno aderendo cittadini e cittadine che provengono da tutte le classi sociali e le professionalità più disparate. Pensiamo a Pescara capitale dell'Adriatico e family friendly, con una politica attenta alla famiglia». Annunciata l'apertura di altre sedi, in città, in via Marconi e via Stradonetto.

INAUGURATO COMITATO ALESSANDRINI
E sabato scorso anche il candidato del centrosinistra Marco Alessandrini, ha inaugurato il proprio comitato elettorale di via Firenze: «l’entusiasmo di questa mattina è una dimostrazione d'affetto nei miei confronti, ma anche la testimonianza che questa gente ha voglia di cambiamento», ha detto Alessandrini.
«Abbiamo iniziato tutti insieme una grande avventura. I pescaresi hanno voglia di far ripartire una città che per troppo tempo è rimasta ferma. Tutti insieme possiamo farcela. Un centro-sinistra così unito e coeso attorno alla mia persona rappresenta un segnale importante. La strada è ancora lunga - ha detto Alessandrini - ma siamo decisi a regalare a Pescara il prossimo 25 maggio una giornata importante nel segno del cambiamento e del rilancio». All'inaugurazione del comitato di Marco Alessandrini erano presenti tanti consiglieri comunali anche di altre liste della coalizione, oltre al candidato alla Regione Luciano D'Alfonso.

PIGNOLI CONTRO
Intanto il capogruppo della Lista Teodoro per Pescara, Massimiliano Pignoli, contesta i cantieri che in questi giorni affollano la città. «Pescara è ormai un unico grande cantiere con disagi incredibili per i cittadini. Ma se almeno si lavorasse in alcuni di questi, allora sarebbe meno grave. E invece sabato mattina, nel corso di un giro che ho fatto per la periferia come per il centro, ho dovuto purtroppo constatare che in alcuni cantieri i lavori sono fermi». «Per questa Amministrazione - ha concluso Pignoli - oltre a cittadini di serie A e serie B, esistono anche cantieri di serie A e serie B, visto che in altri, come su Corso Vittorio, si lavora regolarmente. Ma allora, c'era davvero bisogno di aprire decine e decine di cantieri in tutta la città, sapendo che non si sarebbe riusciti a proseguire con regolarità i lavori?».