VERSO IL VOTO

Comunali Montesilvano, Forza Italia soddisfatta per l’appoggio di Ncd

Di Stefano Pd sul cemento: «i maggiori responsabili stanno nel centrodestra»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2379

Maragno e Chiavaroli

Maragno e Chiavaroli




MONTESILVANO. «Con l'accordo politico raggiunto oggi con il Nuovo Centro Destra, a Montesilvano, la coalizione di centrodestra si rafforza e diventa più determinata».
Lo afferma il coordinatore provinciale di Forza Italia di Pescara, Lucio Petrocco, che aggiunge: «Il candidato sindaco Francesco Maragno è la vera e unica alternativa al disastro amministrativo offerto dal centrosinistra montesilvanese; è la persona giusta a guidare la città nei prossimi cinque anni con trasparenza e autorevolezza».
Il Ncd, nelle scorse settimane, aveva già detto di voler sostenere il candidato, ma dopo i problemi di Pescara, dove il partito di Alfano e Forza Italia andranno separati, si attendeva la conferma ufficiale. Ieri la coordinatrice regionale e vicecapogruppo di Ncd in Senato, Federica Chiavaroli, chiarisce ogni dubbio. «Riteniamo Maragno la figura migliore per tenere unita la coalizione di centrodestra e per portarla alla vittoria - dice Chiavaroli -. Francesco Maragno si è sempre distinto per la sua serietà e professionalità, qualità che metterà al servizio di Montesilvano». Il candidato ha già incassato il sostegno di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale e di Montesilvano Futura.
«Ringrazio Ncd - aggiunge Petrocco- per aver lavorato affinché la coalizione rimanesse unita. Auspico - conclude Petrocco - che gli altri movimenti civici di Montesilvano che si riconoscono nei nostri valori possano convergere sulla figura di Maragno e unirsi al nostro progetto politico di rinascita di Montesilvano.

ANCHE L’UDC CON MARAGNO
Anche l'Udc sosterrà il candidato Maragno che dunque fino ad oggi ha già incassato l'appoggio del Nuovo Centrodestra, di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale, di Montesilvano Futura, della Destra Sociale e di diverse liste civiche. I rappresentanti dei partiti che sostengono il candidato della coalizione di centrodestra annunceranno ufficialmente l'appoggio a Maragno nel corso di una conferenza stampa, domani, alle 10, al Grand Hotel Adriatico. Saranno presenti, oltre a Maragno, il presidente regionale di Forza Italia, Nazario Pagano, il coordinatore regionale del Ncd, Federica Chiavaroli, e il commissario regionale dell'Udc, Nedo Poli, oltre a Pasquale Cordoma (FdI-An), Mauro Orsini (Montesilvano Futura) e Roberto Rosa (Destra Sociale).
nche l'Udc sosterrà il candidato Maragno che dunque fino ad oggi ha già incassato l'appoggio del Nuovo Centrodestra, di Fratelli d'Italia-Alleanza Nazionale, di Montesilvano Futura, della Destra Sociale e di diverse liste civiche. I rappresentanti dei partiti che sostengono il candidato della coalizione di centrodestra annunceranno ufficialmente l'appoggio a Maragno nel corso di una conferenza stampa, domani, alle 10, al Grand Hotel Adriatico. Saranno presenti, oltre a Maragno, il presidente regionale di Forza Italia, Nazario Pagano, il coordinatore regionale del Ncd, Federica Chiavaroli, e il commissario regionale dell'Udc, Nedo Poli, oltre a Pasquale Cordoma (FdI-An), Mauro Orsini (Montesilvano Futura) e Roberto Rosa (Destra Sociale).
Intanto dal centrosinistra arrivano attacchi al centrodestra «Tutte le opportunità che hanno avuto quelli del centrodestra per combattere il cemento quando erano all’opposizione non sono state colte».
Così il consigliere comunale del Pd, Gabriele Di Stefano commenta le accuse ricevute da parte degli avversari politici: «forse non si ricordano che hanno cercato di approvare un PRG improponibile alla fine del loro mandato con progetti impossibili, parlavano del boulevard di via Vestina, piste ciclabili, grandi spazi verdi che tutti vorremmo, addirittura uscirono fuori dei progetti doppione come il porto turistico (già presente a Pescara a pochi chilometri) e progetti fantascientifici e contro natura per far arretrare il mare, furono incaricati tecnici, spendendo oltre 200 mila euro, soldi che si potevano spendere diversamente per il bene della città senza pensare, come voleva Di Mattia, a recuperare le spese di urbanizzazione».

«Sicuramente molti responsabili della cementificazione di Montesilvano, oggi sono dalla vostra parte», insiste Di Stefano riferendosi al centrodestra: «nei 5 anni di amministrazione non siete riusciti a fare nemmeno l’ordinaria manutenzione delle strade».

Il consigliere del pd punta invece alla Montesilvano «che vogliono i cittadini»: «rispettando la natura e cercando di riparare gli errori fatti dalla politica, bisogna migliorare la qualità della vita e puntare sul turismo unica risorsa che abbiamo, cercando di rinnovare ogni anno l’offerta verso il turismo balneare e congressuale. E’ ora di sistemare adeguatamente la città in tutti i suoi aspetti, potenziando i servizi, creando un parco fluviale, recuperare gli spazi comunali da attrezzare a parcheggi e giardini, mettere alberi e creare zone verdi senza eccessivi costi, rifacimento della rete idrica e delle linee di raccolta acque chiare e scure che attualmente confluiscono tutte in un unico percorso che finisce quasi del tutto nel mare, affinché Montesilvano ritrovi serenità, tranquillità, sicurezza in parole povere vogliamo una cittadina a misura d’uomo e non una caotica metropoli invivibile per accontentare gli appetiti dei soliti noti»