POLITICA

Torricella Sicura, sindaco ritira delega a Tassoni: «mossa politica in vista delle elezioni»

Protesta l’ex esponente della giunta Palumbi

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1896

Torricella Sicura, sindaco ritira delega a Tassoni: «mossa politica in vista delle elezioni»

Tassoni




TORRICELLA SICURA. « Vedersi notificare, a pochi giorni dalla presentazione delle liste per le prossime elezioni amministrative, il ritiro di un’importante delega, è un gesto che ha soltanto sapore politico e nulla a che vedere con le motivazioni addotte».
E’ amareggiato e non lo nasconde Franco Tassoni, ex assessore alla manutenzione al Comune di Torricella Sicura che si è visto sfilare la delega da sotto al naso.
«Non mi stupisce che il sindaco Daniele Palumbi lo abbia fatto», continua Tassoni, «proprio in questo momento, in cui il comune torna al voto, per altro in maniera del tutto strumentale e davvero approssimativa».
L’ex assessore difende la bontà del proprio operato: «ho sempre svolto con efficacia i compiti affidatimi dalle attività a me delegate, impegnandomi sempre al massimo delle possibilità per la comunità Torricellese, ma da quando si è resa palese l’intenzione di non ricandidarmi in lista con il sindaco uscente, qualcosa stranamente è cambiato».
Per il primo cittadino le motivazioni sarebbero ben altre ma Tassoni le respinge: «le scuse dell’assenza o l’irreperibilità del sottoscritto, sono assolutamente false e tendenziose e svelano in maniera evidente la volontà politica del sindaco di estromettere dall’amministrazione chi ha deciso di non appoggiarlo oltre. Si tratta di un atto grave e totalmente privo di fondamento, di fronte al quale ho rassegnato in data 7 aprile le mie dimissioni da assessore esterno alla giunta Palumbi. L’atteggiamento dispotico del sindaco, oltre ad avermi colpito personalmente, dovrebbe far riflettere anche tutti i cittadini di Torricella sul suo operato, dal quale ho preso immediatamente le distanze, perché ritengo certi gesti assolutamente inaccettabili e totalmente estranei alla basilare logica democratica del confronto».