VERSO IL VOTO

Montesilvano, Forconi candidato sindaco Forza Nuova

Oggi l’ufficializzazione di Francesco Maragno

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2749

Montesilvano, Forconi candidato sindaco Forza Nuova




MONTESILVANO. Il coordinatore regionale di Forza Nuova, Marco Forconi, sarà il candidato sindaco di Montesilvano per il movimento di estrema destra.
Lo annuncia lo stesso Forconi, sottolineando che «gli obiettivi sono gli stessi della tornata elettorale del 2012: sradicare i dinosaurismi, impiantando un nuovo modo di concepire la politica, al servizio della collettività attraverso una presenza costante e radicale nelle piazze e strade».
Tra le priorità di Forza Nuova vi sono «Stella Maris, il contrasto al commercio abusivo e lo sviluppo dell'economia locale, la lotta alla prostituzione, la riqualificazione del Saline e, soprattutto, l'eliminazione cartelli 'comune derazzistizzato' posti agli ingressi della città. Montesilvano - dice Forconi - non diventerà una nuova Harlem e via Ariosto non è un'ambasciata africana, ma territorio nazionale».
Forconi si aggiunge agli altri due candidati in vista delle comunali del 25 maggio: Manuel Anelli, del Movimento 5 Stelle, e Francesco Maragno, della coalizione di centrodestra, che verrò ufficializzato oggi, alle 10, nel corso di una conferenza stampa all'hotel Promenade.
Nonostante la campagna elettorale già avviata dall'ex sindaco, non è ancora chiaro il candidato per il centrosinistra sarà Attilio Di Mattia o meno. Il Partito Democratico nelle scorse settimane aveva detto di voler proseguire il percorso per completare il programma dell’ex amministratore cittadino.
Intanto ieri il coordinamento delle liste civiche Essere Montesilvano, Bene Comune, il Popolo di Montesilvano e Grande Pescara, rappresentate rispettivamente da Giuliano Lenaz, Claudio Cammarota, Giovina Da Ortenzio, Andrea Ramondetti ha ribadito il sostegno a Di Mattia.
La sua amministrazione, dicono in una nota, «è stata interrotta da atti che nulla hanno a che fare con il fine primario della politica che è, e rimane il bene comune». Al centro dell'incontro di ieri la consultazione referendaria sulla "Grande Pescara" , di cui le liste civiche condividono «le motivazioni e gli obiettivi politici ed economici che deriverebbero, alla città di Montesilvano, in caso di concreta attuazione, della fusione dei tre Comuni».