INCARICHI

Vasto, portavoce sindaco: Desiati chiede verifica del codice di comportamento

«E’ stato rispettato quanto previsto nel contratto?»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1730

Massimo Desiati

Massimo Desiati




VASTO. Ancora polemiche sull’incarico affidato nei mesi scorsi dal Comune di Vasto al portavoce del sindaco, Vincenzo Christian Lalla.
Adesso il consigliere Massimo Desiati chiede l’intervento del sindaco e del responsabile comunale della prevenzione e della corruzione, per verificare i rapporti che legano Lalla e la società “Spindoctoring by Vincenzo Christian Lalla” che si occupa di relazioni pubbliche, ricerche di mercato, ufficio stampa, formazione e campagne di comunicazione.
In particolare Desiati chiede di verificare se Lalla abbia rispettato il “Codice di comportamento” a cui sono tenuti anche i collaboratori o consulenti con qualsiasi tipologia di contratto o incarichi e a qualsiasi titolo.
Nel contratto firmato a fine gennaio, il punto 3 recita: “L’incaricato si impegna, per tutta la durata dell’incarico, a non esercitare attività nei settori radiotelevisivo, del giornalismo, della stampa e delle relazioni pubbliche, ai sensi dell’art. 7 co. 1 della legge 150/2000”.
Tutto questo sta avvenendo?, chiede Desiati. La verifica, secondo il consigliere di minoranza è «indispensabile» anche a seguito della diffusione di un manifesto, firmato “Sindaco di Città del Vasto”, «su cui ben chiara appare, in alto a destra, così come previsto dalla legge, la scritta “Spindoctoring” riferita al suo editore e da cui è possibile presumere un’attività di comunicazione istituzionale del Comune di Vasto affidata alla “Spindoctoring”».
«Sembra impossibile», continua Desiati, «e c’è da sperare che il “portavoce” del sindaco sia persona diversa da quella su menzionata nella ragione sociale della citata ditta, anche se ambedue rispondono allo stesso numero di cellulare della “Spindoctoring”».
«Ha forse», chiede ancora Desiati, «il Comune stipulato il contratto di “portavoce” con la “Spindoctoring by Vincenzo Christian Lalla” o con la persona Vincenzo Christian Lalla, il quale, nel medesimo contratto, non fornisce partita I.V.A ma il proprio personale Codice fiscale? Quella che sigla il manifesto è altra impresa che, solo casualmente, ha nome “Spindoctoring”? Il “portavoce” del sindaco non ha più rapporti, semmai ne avesse avuti, con la “Spindoctoring by Vincenzo Christian Lalla”?»