SOCIETA' PUBBLICHE

L’ex direttore Carispaq chiamato da Cialente per risanare i conti della Ams

La società pubblica multiservizi è chiamata ad una svolta con Rinaldo Tordera

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1822

L’ex direttore Carispaq chiamato da Cialente per risanare i conti della Ams




L’AQUILA. Rinaldo Tordera è il nuovo amministratore unico dell'Aquilana società multiservizi (Ams), azienda controllata dal Comune dell'Aquila.
E' stato il sindaco, Massimo Cialente a dare il via libera all'incarico definendo Tordera «l'uomo giusto per riportare l'azienda a un buon livello di "efficienza e competitività».
 La soluzione Tordera, ex direttore generale della Cassa di Risparmio della provincia dell'Aquila, porta all'eliminazione del Consiglio d'amministrazione: «Ora l'Asm guarda al futuro con un'unica guida che proseguirà il lavoro iniziato dai presidenti passati Luigi Fabiani e Francesco Rosettini - spiega il primo cittadino -. Quest'ultimo ha fatto un ottimo lavoro che ha portato l'azienda a risparmiare oltre un milione di euro sul conferimento dei rifiuti».
 «L'obiettivo», secondo Cialente, è uno solo: «compiere una ristrutturazione dell'azienda» che allontani lo spauracchio di una privatizzazione o di una liquidazione, come aveva minacciato in una riunione di qualche settimana fa con i vertici dell'azienda e le rappresentanze sindacali unitarie dei lavoratori.
«C'è molto lavoro anche in vista del nuovo Ambito territoriale ottimale provinciale, che si dovrà costituire entro due anni, secondo la nuova legge - conclude - Non possiamo arrivare impreparati e poco competitivi a un eventuale bando di gara per la raccolta dei rifiuti».
 Tordera, che è anche consigliere della Camera di commercio della provincia dell'Aquila, nonché presidente del conservatorio "Alfredo Casella", subentra all'avvocato Francesco Rosettini, presidente pro tempore, già consigliere di amministrazione dell'azienda per circa due anni e mezzo.
Nel 2011 fu costretto a dimettersi per la coincidenza temporale di almeno ter eventi che portarono sulle cronache nazionali l’istituto di credito che Tordeva dirigeva ormai da 12 anni:  le proteste sulla la richiesta degli interessi passivi su mutui e prestiti nel post sisma;  l’affaire Consorzio Federico II e la truffa Madoff dei Parioli.
Della Carispaq e della gestione Tordera si è occupato in passato il parlamentare Elio Lannutti.