Elezioni Abruzzo, caos liste. Berardinetti (Pd) accusa: «fatto fuori per una manovra di palazzo»

Chiesto l’intervento dei vertici nazionali del partito

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2733

Elezioni Abruzzo, caos liste. Berardinetti (Pd) accusa: «fatto fuori per una manovra di palazzo»




AVEZZANO. «E' impensabile che nel ‘comprensorio aquilano’ si tengano le primarie, mentre in una porzione della stessa provincia i candidati sono scelti da persone che sanno già chi indicare. Quale altro motivo, altrimenti, avrebbe spinto a questa clamorosa anomalia e ad annullare le primarie nella Marsica?»
E' questa la presa di posizione del consigliere provinciale Pd dell'Aquila, sindaco di Sante Marie Lorenzo Berardinetti, candidato con Luciano D'Alfonso alle prossime elezioni regionali, che chiede chiarezza sulle «anomalie che si sono create per la scelta per nulla democratica dei candidati».
«Forse qualcuno ha avuto paura di far scegliere liberamente i cittadini perché sapeva di perdere e ha manovrato dalle retrovie per ottenere una candidatura a tavolino?», domanda Berardinetti. «Ma ancora più grave è che, anche in caso ci fossero state le primarie, sarebbe stata una competizione per scegliere un solo candidato, mentre l'altro sarebbe addirittura già stato scelto dal segretario regionale, senza possibilità di appello da parte di nessuno».
Tutto ciò, spiega il primo cittadino, «oltre che danneggiare il partito nell'immagine ed elettoralmente, è inaccettabile». Berardinetti chiede l’intervento dei vertici nazionali e che «gli artefici di tale arbitraria manovra, di cui sarà necessario accertare la legittimità, si assumano le proprie responsabilità e ne traggano le dovute conseguenze».
«Inoltre, mi preme evidenziare come anche nelle cosiddette ‘liste civiche’ ci sia una ingerenza ed un susseguirsi di veti da parte di esponenti del Pd per impedirci di dar seguito alla richiesta di D’Alfonso che vuole comporre liste forti che contribuiscano alla vittoria. Come me ci sono anche altri “esclusi eccellenti” iscritti nelle fila del Partito democratico che qualcuno, concentrato solo su interessi particolari, non vuole autorizzare a candidarsi. Spingendo così, di fatto, forze ed energie fuori dal Pd. Questo noi non lo permetteremo».
Nei prossimi giorni, annuncia Berardinetti, «sarò nei vari circoli per una “operazione verità”, e andrò a raccontare come è stata allestita la lista del Pd e quello che noi vogliamo per il futuro dell’Abruzzo e in particolare per la Provincia dell’Aquila».