IL FATTO

Biblioteca provinciale De Meis, «spostiamo nell’ex ospedale militare

La richiesta di Di Giuseppantonio a Chiodi e Di Primio

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1109

Biblioteca provinciale De Meis, «spostiamo nell’ex ospedale militare





CHIETI. Un incontro urgente con il Ministro della Difesa per sollecitare la disponibilità dell’ex ospedale militare Bucciante a ospitare il patrimonio della Biblioteca provinciale De Meis.
E’ quanto ha proposto il presidente della Provincia di Chieti, Enrico Di Giuseppantonio, al presidente della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi, e al sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, in una lettera inviata questa mattina alla luce della recente risoluzione approvata dal Consiglio regionale che impegna la Giunta ad assumere ogni iniziativa per trasferire la De Meis presso i locali dell’ex ospedale.
«Considerato che Comune, Provincia e Regione sono in piena sintonia sul trasferimento della De Meis nella Bucciante – afferma il Presidente Di Giuseppantonio – chiedo al Presidente Chiodi di guidare una delegazione per un incontro urgente con il Ministro della Difesa per rivolgere le istanze di un intero territorio che chiede con forza la restituzione di un immenso patrimonio al cuore della città. Di tale delegazione dovrà inevitabilmente farne parte anche una rappresentanza delle associazioni cittadine, che sta portando avanti la battaglia con grande tenacia e senso di responsabilità».

«Nell’incontro sarà necessario capire se vi sono eventuali problemi tecnici – prosegue il presidente Di Giuseppantonio – e, quindi, di natura finanziaria: i fondi a disposizione sono pochi e attualmente sono destinati alla ristrutturazione della vecchia sede. Chiederemo che questi possano essere utilizzati per l’adeguamento, la messa a norma, l’eliminazione delle barriere architettoniche e anche per garantire una sede prestigiosa e accogliente per l’immenso patrimonio della De Meis. Dobbiamo fare in fretta – conclude il Presidente Di Giuseppantonio – poiché il tempo per sfruttare questi finanziamenti potrebbe scadere, rischiamo di perdere una buona occasione».