FONDI PUBBLICI

Lavoro, Di Giuseppantonio scrive a Gatti: «servono altri fondi per tirocini e voucher»

Bloccate 171 istanze

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2833

lavoro, disoccupazione, annunci di lavoro, cerco lavoro,




CHIETI. La Provincia di Chieti chiede alla Regione altri fondi del Fondo Sociale Europeo 2007/2013 per la riqualificazione professionale e il primo inserimento nel mondo del lavoro.
Il presidente della Provincia di Chieti, Enrico Di Giuseppantonio, e l'assessore alle politiche attive del lavoro, Paolo Sisti, sono infatti i firmatari di una missiva inviata all'assessore regionale al lavoro, Paolo Gatti, nella quale chiedono lo stanziamento di ulteriori risorse per finanziare le richieste di quei cittadini che, pur essendo risultati idonei, non sono stati ammessi per l'esaurimento dei fondi a disposizione.
«Vi sono ancora 34 istanze finanziabili per quanto riguarda i voucher formativi per giovani capaci e meritevoli - scrivono nella lettera il Presidente Di Giuseppantonio e l'Assessore Sisti - mentre oltre ai 580 tirocini formativi già avviati presso le aziende potremmo attivarne ancora 137. In questo modo si permetterebbe lo scorrimento delle graduatorie ad oggi ancora attive e si assicurerebbe il soddisfacimento delle richieste di tutti quei cittadini che hanno mostrato interesse a questa azione, che il nostro Ente ha sempre gestito con grande professionalità anche grazie al personale degli uffici».
Con l'occasione il presidente Di Giuseppantonio e l'assessore Sisti fanno il punto della situazione sulle attività portate avanti dalla Provincia in qualità di organismo intermedio del Fondo Sociale Europeo: «Quest'anno abbiamo finanziato 53 istanze per quanto riguarda i voucher formativi per giovani capaci e meritevoli, abbiamo attivato 580 tirocini finalizzati a favorire l'ingresso nel mondo del lavoro, abbiamo finanziato 15 interventi formativi per la ristrutturazione e la riconversione di piccole imprese o di parte di esse, abbiamo finanziato 48 istanze per voucher formativi mirati all'accrescimento e all'adeguamento di lavoratori e manager di piccole imprese aventi sede operativa nel territorio provinciale».
«E' un segnale importante quello che sta dando la Provincia di Chieti - sottolinea il Presidente Di Giuseppantonio - che ha grande rilevanza non solo dal punto di vista sociale, ma anche economico se si pensa agli indubbi vantaggi economici che queste attività comportano in un territorio già provato dalla crisi. Abbiamo rivolto e rivolgeremo sempre maggiore attenzione a queste iniziative, nonostante le difficoltà che il nostro Ente e le Province in generale stanno affrontando di questi tempi».