IL RESOCONTO

L’Aquila da ricostruire, 485 monumenti danneggiati. Servono 585 milioni di euro

Nel 2013 gestiti 155 milioni di euro

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3868

L’Aquila da ricostruire, 485 monumenti danneggiati. Servono 585 milioni di euro





L’AQUILA. Cosa c’è da ricostruire a L’Aquila? Quanto è stato fatto e quanto c’è ancora da fare?
Il resoconto dell’attività svolta è stata illustrata questa mattina al ministro per i Beni Culturali Dario Franceschini nel corso di una riunione tecnica. Il direttore Regionale per i beni culturali Fabrizio Magani e la Soprintendente per i beni architettonici Alessandra Vittorini hanno illustrato nei dettagli la situazione.
Il programma pluriennale (2013-2021) d'interventi di consolidamento e restauro del patrimonio culturale dell'Aquila e del suo territorio, danneggiato dal sisma del 2009 interessa 485 beni monumentali per una spesa complessiva stimata (al 2012) di 585 milioni; gli interventi presi in esame sono per circa il 95% di proprietà ecclesiale.
Sono 103 interventi in totale quelli che la Direzione Regionale sta trattando dalla fine della gestione commissariale.
Nel corso dell’anno 2013 la Direzione Regionale ha gestito, nell’area colpita dal sisma, circa 155 milioni di euro (tutti impegnati), la metà dei quali (70.500.000) finanziati dalla delibera CIPE n. 135/2012, che ha approvato il programma novennale, finanziando in toto la prima annualità (che riguarda 26 beni monumentali).

I CANTIERI FINANZIATI DA DONATORI
Agli interventi finanziati con la delibera CIPE 135/2012 si aggiungono i restauri finanziati o co-finanziati da donatori (anche stati esteri) ed i principali sono:
- Santa Maria del Suffragio, L’Aquila (co-finanziamento al 50% del Governo Francese), cantiere avviato;
- Santa Maria della Croce di Roio (finanziato dalla Regione Liguria), cantiere in avvio;
- Palazzo Ardinghelli, L’Aquila e Chiesa di San Gregorio Magno a San Gregorio (finanziamento complessivo del Governo della federazione Russa), cantieri attivi;
- San Pietro Apostolo a Onna (finanziamento complessivo del Governo Tedesco), cantiere attivo;
- Santa Maria di Farfa a L’Aquila (Cavalieri del Lavoro), intervento in conclusione;
- Chiesa-Teatro San Filippo, finanziata in quota parte dalla donazione della Sugar Music di Caterina Caselli (convenzione con il Comune dell’Aquila), cantiere avviato;
- Fontana Luminosa, finanziata dalla Federazione Nazionale degli Alpini e da una donazione della I Circoscrizione del Comune dell’Aquila (convenzione);
- Scheletro del Mammuthus meridionali vestinus, nel Forte Spagnolo (donazione della Guardia di Finanza), cantiere attivo;

Altri importanti interventi attivi sono quelli affidati alla Direzione Regionale, con convenzione, dal Comune dell’Aquila:

- Restauro della Cinta muraria, di cui un tratto già concluso (via Tancredi da Pentima, zona Fontana delle 99 Cannelle) ed altri 5 cantieri attivati;
- Teatro Comunale (appalto in fase di aggiudicazione);
- Chiesa-Teatro San Filippo, cantiere avviato;
- Chiesa di Santa Maria del Soccorso (gara d’appalto in conclusione).

COLLEMAGGIO
Un altro importante intervento seguito dalla Direzione Regionale, in sinergia con il Comune dell’Aquila, è quello per il recupero della Basilica di Santa Maria di Collemaggio, affidato all’ENI, che ha stanziato 14 milioni di euro. La redazione del progetto di consolidamento e restauro del complesso monumentale è stata affidata alla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici dell’Abruzzo.

IL FORTE SPAGNOLO
Agli interventi avviati vanno inoltre aggiunti il II lotto del Forte spagnolo e il I lotto della Chiesa di Santa Giusta (avviati, con finanziamenti Ministeriali) e il cantiere dell’Ex Mattatoio – spazio concesso in comodato d’uso alla Direzione dal Comune dell’Aquila -, futura sede del Museo Nazionale d’Abruzzo, nell’ambito del progetto Mumex, realizzato in convenzione con Invitalia.
Infine, sono attivi altri cantieri derivati dalla gestione dell’ex Vice Commissario dei beni Culturali, riguardanti anche I lotti d’intervento su beni monumentali inseriti nel crono programma pluriennale, per completamento del restauro (Chiesa di San Vito alla Rivera, Chiesa dei SS.Marciano e Nicandro, Chiesa della Misericordia).

I RESTAURI COMPLETATI
Fontana delle 99 Cannelle (donazione del FAI); Chiesa di San Giuseppe Artigiano (donazione Fondazione Roma); Porta Napoli e Chiesa Madonna Fore (donazione Fondazione Carispaq); Palazzetto dei Nobili (donazione Camera dei deputati); Oratorio San Giuseppe dei Minimi (donazione del Governo del Kazakistan); Conventino di San Giuliano (donazione Soroptimist International Club d’Italia); Chiesa del Crocifisso e Chiesa di Cristo Re (fondi struttura ex Vice Commissario).

I DATI DEI CANTIERI

Sono 101 gli aggregati nei quali sono in corso i cantieri di restauro su progetti autorizzati dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici nel centro cittadino dell'Aquila. E corrispondono al 78% di tutti i progetti presentati.
I progetti presentati hanno interessato 129 aggregati (121 nel centro storico), di cui 123 autorizzati (94 nel centro storico) pari al 95% del totale, corrispondenti ad un importo pari a circa 690 milioni di euro di contributi. I cantieri dei 101 aggregati (78% del totale) con i lavori avviati impegnano un importo complessivo di circa 478 milioni di euro di contributi. I rimanenti progetti approvati sono in attesa dei prossimi finanziamenti.
La Soprintendenza esamina ed autorizza anche i progetti di restauro per tutti gli altri edifici di interesse culturale appartenenti ad Enti e Amministrazioni pubbliche. Tra gli altri: il Palazzo dell'INPS, la sede del Provveditorato alle Opere Pubbliche, l'ex GIL, la Basilica di S. Bernardino, il Palazzo Camponeschi, il Teatro Comunale.

PROGETTI PRESENTATI
129 aggregati di cui 121 nel centro storico

PROGETTI AUTORIZZATI
123 aggregati (95% dei presentati) di cui 94 nel centro storico corrispondenti a un importo di contributi pari a circa € 690 mln

CANTIERI AVVIATI/IN CORSO
101 aggregati (78% dei progetti presentati, 82% degli autorizzati) di cui 64 nel centro storico
corrispondenti a un importo di contributi pari a circa € 478 mln