VERSO IL VOTO

Primarie centrosinistra, cambiano le regole in corsa. Caramanico e Mascitelli protestano

I due sfidanti di D’Alfonso contro le nuove indicazioni

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3204

Primarie centrosinistra, cambiano le regole in corsa. Caramanico e Mascitelli protestano
ABRUZZO. L’obolo per votare alle primarie del centrosinistra passa da 50 centesimi a 2 euro.
E anche il tetto delle spese della campagna elettorale di ogni singolo candidato aumentano e la cifra concordata potrà essere «sforata». Il regolamento sul sito del Pd parla ancora oggi di «10 mila euro di budget» ma la delibera numero 3 firmata due giorni fa dal Coordinamento regionale Insieme il Nuovo Abruzzo consente «12.000 euro aggiuntivi» rispetto ai 10 stabiliti

Protestano però i candidati alle primarie Franco Caramanico (Sel) e Alfonso Mascitelli (Idv) che dovranno vedersela con il terzo sfidante, l’ex sindaco di Pescara Luciano D’Alfonso, che già pregusta la vittoria e parla da governatore della regione. Non gradiscono questo cambio in corsa i due che per quanto noti (Caramanico è un ex sindaco e politico di lungo corso, Mascitelli un ex senatore) certamente appaiono sfavoriti di fronte a D’Alfonso. Senza voler entrare nel merito della caratura politica dei tre, gli sfidanti non godono della copertura mediatica offerta a D’Alfonso e probabilmente non hanno a disposizione quel dispiegamento di uomini (sostenitori, volontari, simpatizzanti) e mezzi del loro avversario… a partire dal camion che sta scarrozzando l’ex sindaco in giro per la regione.

«Vorremmo che fossero rispettate - ribadiscono Mascitellie Caramanico – le decisioni prese all’inizio dal Comitato organizzatore, che fissava un tetto massimo di spese consentite e il pagamento di una quota ben inferiore per i votanti. Per noi questa quota deve essere portata a 50 centesimi. Crediamo che una buona linea di condotta debba essere quella improntata alla trasparenza e alla sobrietà. E le Primarie possono essere l’inizio di questo nuovo corso».

 Intanto proprio oggi pomeriggio alle 16 D'Alfonso inaugurerà il comitato elettorale, in via dei Marrucini 9 a Pescara mentre in mattinata incasserà due appoggi esterni quello della segreteria regionale Psi e quella di Daniele Toto. Quest’ultimo (dato per alcuni giorni candidato sindaco di pescara per il centrosinistra) presenterà il nuovo movimento Abruzzo Liberale dopo l’esperienza del Pdl e di Fli. Si aspetta solo l’ok dell’Udc e poi per D’Alfonso farà bingo.


PRIMARIE CENTOSINISTRA ABRUZZO: CAMBIANO LE REGOLE