FONDI PUBBLICI

Autoporto: 2 milioni a Castellalto e Roseto. Pd: «no a fondi a pioggia»

Il consigliere Claudio Ruffini chiede alla Regione di spiegare

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1490

Autoporto: 2 milioni a Castellalto e Roseto. Pd: «no a fondi a pioggia»




CASTELLALTO. Il consigliere regionale del Pd, Claudio Ruffini contesta due le delibere di giunta che assegnano alla Provincia di Teramo (in qualita' di soggetto attuatore) ben 1 milione e 400mila euro per l'autoporto di Castellalto ed un altro milione e 300mila per l'autoporto di Roseto.
«Sappiamo perfettamente che il Fas prevedeva una misura specifica per il rilancio dei nodi logistici - dice Ruffini - ma fatto in questa maniera riteniamo sia uno sperpero di denaro pubblico che non portera' alcun beneficio alle imprese ed ai territori di riferimento».
Il gruppo Pd regionale ha presentato una proposta di legge nel marzo 2012 sulla riforma degli autoporti, condivisa anche con le associazioni di categoria.
«Purtroppo», spiega il consigliere di minoranza, «è tutto fermo in IV Commissione, con l'aggravante che l'assessore Morra aveva annunciato un suo disegno di legge mai pervenuto - per aprire un confronto nel merito. Oggi con stupore leggiamo che a pochi mesi dal voto regionale - aggiunge Ruffini - si sbloccano quasi tre milioni di euro che vengono assegnati alla Provincia di Teramo e non ai Comuni oppure ai Consorzi Industriali, per attivare in maniera parziale la logistica degli autoporti di Roseto e Castellalto. Come abbiamo scritto nella nostra proposta riteniamo che questi finanziamenti vadano assegnati tramite un bando rivolto ad imprese, anche raggruppate sotto forma di consorzi o di Ati (associazione temporanea d'impresa) che operino nel campo dei trasporti, della logistica e dei servizi riferibili al settore».
Secondo Ruffini, ad esempio, con il finanziamento per l'autoporto di Castellalto non si comprende quale destinazione e quale funzionalità avrà lo stesso nel sistema logistico provinciale e regionale, nè si comprende se con la somma a disposizione l'opera sarà operativa.