SANITA'

Piccoli ospedali, appello del sindaco di Pescina: «serve una battaglia comune»

Il primo cittadino scrive al collega di Tagliacozzo

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2561

Piccoli ospedali, appello del sindaco di Pescina: «serve una battaglia comune»

Marco Di Nicola




TAGLIACOZZO. Si è tenuta mercoledì scorso l’udienza innanzi al Tar di L’Aquila per la sospensione del programma operativo 2013/2015 impugnato dalle Amministrazioni comunali e comitati civici di Tagliacozzo, Pescina e Guardiagrele.
I giudici amministrativi, però, hanno ritenuto di attendere l’esito degli appelli pendenti innanzi al Consiglio di Stato di Roma. Infatti, la vicenda giudiziaria della chiusura dei ‘piccoli ospedali’ deve essere decisa dai giudici di secondo grado che dovranno confermare o riformare le sentenze del Tar di L’Aquila che, poco più di due anni fa, annullarono il programma operativo 2010/2012 con il quale erano stati chiusi gli Ospedali di Pescina, Tagliacozzo, Guardiagrele, Gissi e Casoli.
Il sindaco di Pescina, Marco Di Nicola, con una la lettera ha esortato il sindaco di Tagliacozzo, Maurizio Di Marco Testa,  affinché le due comunità si uniscano per portare avanti una battaglia comune e spiega di aver dato mandato all’ avvocato di avanzare al Consiglio di Stato una formale istanza per favorire la riunione di tutti i procedimenti pendenti (concernenti Pescina, Tagliacozzo e Guardiagrele) per ottenere un’unica udienza di discussione per tutte le impugnazioni relative ai piccoli ospedali abruzzesi.

«Sono convinto», dice il primo cittadino al collega, «che la compattezza delle nostre comunità, prima ancora che la somma delle argomentazioni giuridiche avanzate dai nostri legali, possa costituire un forte elemento di stimolo al nobile animo dei Magistrati giudicanti in una materia cosa delicata, determinandoli ad applicare fermamente la legge e la Costituzione a tutela del diritto alla salute delle nostre “abbandonate” popolazioni.
Per tale motivo, ti prego di valutare, unitamente al vostro difensore, la possibilità di condividere questa strategia di “riunione di tutte le nostre forze, giudiziarie e politico-amministrative” in previsione della vostra udienza della prossima settimana, insistendo per un rinvio della discussione finalizzato ad accorpare anche gli altri giudizi riguardanti Pescina e Guardiagrele».