POLITICA

Lanciano; sindaco riconferma la giunta azzerata il 15 gennaio

Torna l’armonia nella squadra del primo cittadino

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2112

Lanciano; sindaco riconferma la giunta azzerata il 15 gennaio




LANCIANO. Nessuna sorpresa dell’ultim’ora.
Pace fatta e suggellata dal ripristino delle deleghe.
Il sindaco di Lanciano, Mario Pupillo, ha infatti confermato integralmente la giunta che aveva azzerato il 15 gennaio scorso in contrasto politico con il vice sindaco Pino Valente, il quale chiedeva l'abbassamento della tassazione ai cittadini.
La nuova giunta di Pupillo, che ha mantenuto per sé la delega allo Sport, è la seguente: Pino Valente (Vicesindaco e assessore alla Cultura, Turismo e Commercio), Marcello D'Ovidio (Istruzione, Politica della Casa), Antonio Di Naccio (Lavori Pubblici), Valentino Di Campli (Bilancio), Evandro Tascione (Sanità e Ambiente), Dora Bendotti (Servizi Sociali), Pasquale Sasso (Urbanistica). Ogni assessorato avrà inoltre consiglieri comunali con deleghe minori.
«Crisi risolta - ha detto Pupillo - l'azzeramento della giunta è stato un momento di riflessione e confronto. Ho confermato la vecchia giunta disponendo che ogni assessore avrà precisi obiettivi da perseguire con verifica a luglio. Questo sarà l'anno per raccogliere i frutti di lavoro fatto nei primi due anni e mezzo di amministrazione».
Ieri nel corso di una conferenza stampa Pino Valente aveva già preannunciato quello che sarebbe successo stamattina dicendo «torniamo a ricostruire insieme a tutta la maggioranza un percorso programmatico di lavoro per il bene della città».
«Non volevamo distruggere nulla», ha assicurato Valente, «né fare fughe in avanti. Le scelte sono state fatte tutte insieme, ma volevamo che il 2014 partisse con delle priorità e l'approvazione in tempi brevi del bilancio 2014, anche con la diminuzione delle tasse. Queste due settimane sono state utili per un confronto, anche se forte e serrato, sia con Pupillo che il Pd. Nei prossimi due anni e mezzo l' Amministrazione dovrà fare fatti concreti e dare visibilità alle opere».