POLTRONE E POLITICA

Pianella, aumento indennità per i dirigenti comunali

In media 5 mila euro in più annui per ciascuno

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3731

Sandro Marinelli

Sandro Marinelli




PIANELLA. I consiglieri comunali del Gruppo Pianella Amica Gianni Filippone e Massimo Di Tonto contestano la sceltadell’amministrazione Marinelli di aumentare l’indennità di posizione dei dirigenti comunali di Pianella.
Con Decreto Sindacale del 5 dicembre 2013 n. 512 il Sindaco Marinelli ha recepito le nuove indennità di posizione dei Dirigenti Comunali di Pianella e l’opposizione protesta:
«Ecco un nuovo provvedimento che questa volta favorisce la dirigenza comunale, la quale sembra così del tutto estranea ai problemi che i cittadini vivono nella realtà quotidiana.
A Pianella si predica bene ma si razzola male»
Se sotto l’amministrazione D’Ambrosio per i 7 dirigenti il Comune sborsava 44.656 euro di indennità di posizione annuale (oltra al salario) con la giunta Marinelli si spendono 56 mila per i 5 dirigenti. Ovvero dai 6.379 mila euro medi annuali per dirigente si passa agli 11.200 euro con un aumento, a partire da novembre 2013, di 4.820 euro mediamente per ciascuno.
« Pur diminuendo le dirigenze si aumentano difatti le indennità», contestano i consiglieri Filippone e Di Tonto. «Allora il risparmio che sarebbe necessario raggiungere in quanto si sostanzia? Tuttavia non è in discussione la meritevolezza dell’indennità quanto piuttosto l’opportunità della stessa. In tempi di vacche magre tutti dovrebbero fare la loro parte».
I consiglieri ricordano inoltre che durante l’estate c’è stata la mancata conferma della riduzione volontaria delle indennità di carica per sindaco e assessori. Se dunque fino a maggio 2013 il sindaco prendeva 2.007 euro, da giugno ne prende 2.500 (+502 euro mensili). Il vice sindaco è passato dai 627 euro a 1.254 euro (+627 euro) e gli assessori da 564 a 1.129 (+564 euro)

«A PIANELLA BALLETTO INFINITO TRA IMPOSTE E TASSE»
Ma i due consiglieri protestano anche perché a distanza di 7 mesi dall’insediamento, l’amministrazione del sindaco Sandro Marinelli «non riesce a certificare i debiti lasciati in eredità dalla precedente gestione del comune ad opera di Giorgio D’Ambrosio».
«La situazione di confusione genera equivoci gestiti in maniera tale», spiegano Filippone e Di Tonto, «da far pagare ai cittadini di Pianella i costi delle cattiva gestione della cosa pubblica passata e presente e futura». Così i due denunciano che l’amministrazione Marinelli ha approvato il Bilancio Preventivo 2013 stabilendo aumenti di imposte e tasse talmente elevati così da diventate una stangata per i contribuenti.
«A Pianella viene applicata la TARES per l’anno 2013 invece della TARSU, quest’ultima molto più equa della prima nonostante esista la possibilità di scegliere il tributo meno impattante offerto dal governo nazionale. Viene inoltre applicata un’addizionale comunale IRPEF iniqua. Ma la vera singolarità per i pianellesi è l’applicazione dell’IMU. Nel mese di settembre 2013 la Giunta Marinelli ha disposto incrementi pari al 50% del valore dei terreni edificabili. Successivamente grazie all’intervento dell’opposizione in Consiglio Comunale la Delibera di Giunta è stata corretta nel mese di novembre abbassando l’aumento al 35%. A Pianella per le zone B1 dopo l’ultima modifica si pagherà € 73,40 a mq, mentre a Cepagatti il valore oscilla tra € 55 e € 69 al mq, dividendo con criteri di equità la zona B1 in microzone. Invece a Moscufo si pagherà € 36 per le zone B1 a convenzione e € 45 per le zone B1 di completamento».

MARINELLI: «MERITOCRAZIA E’ UN CONCETTO CHE SI APPLICA GIORNO PER GIORNO»
«Abbiamo compiuto un profondo e radicale riassetto organizzativo della struttura comunale Che mira a migliorarne l'efficienza e a ridurne radicalmente i costi», replica il sindaco Marinelli. 
«In soli sei mesi si è provveduto, tra l'altro, a reinternalizzare il servizio tributi con un risparmio per l'ente di oltre 100.000 euro annui se si pensa al solo dato dell'aggio; si è anche rinunciato in toto alla figura del responsabile del settore Lavori Pubblici accorpandola con l'area gestione del territorio con un risparmio di oltre € 70.000 per l'ente; abbiamo già attivato la gestione interna dello sportello unico senza assunzione di personale garantendo all'ente oltre al risparmio degli esborsi precedenti delle ulteriori entrate; il servizio vigilanza ha assunto l'onere di gestire la riscossione degli espositori del mercato settimanale che erano ferme da oltre due anni con ottimi ed immediati risultati per le casse comunali; si è riusciti a garantire l'apertura della biblioteca e l'archivio storico grazie al volontariato e ai progetti sociali mentre in precedenza per tali servizi venivano erogati migliaia di euro alla società arcobaleno oggi in liquidazione».
«Quando ci siamo insediati -aggiunge il sindaco Marinelli - avevamo dato ai dirigenti degli obiettivi ben precisi nell'interesse della cittadinanza e sono stati tutti raggiunti prima del previsto garantendo al Comune di Pianella un'economia a partire dall'anno 2014 per circa € 600.000: E ciò a fronte semplicemente di una redistribuzione dell'indennità dirigenziali che la precedente amministrazione erogava a pioggia per ottenere forse maggiori consensi orientandola agli obiettivi. Per quanto ci riguarda la meritocrazia è un concetto che si applica giorno per giorno e in questo caso si è dimostrato come possa migliorare di gran lunga l'efficienza della pubblica amministrazione garantendo anche grandissimi risparmi ai cittadini: che tali concetti siano totalmente ignoti ai consiglieri di opposizione a Pianella  è un dato ormai più che acquisito».
MARINELLI: «MERITOCRAZIA E’ UN CONCETTO CHE SI APPLICA GIORNO PER GIORNO»

«Abbiamo compiuto un profondo e radicale riassetto organizzativo della struttura comunale Che mira a migliorarne l'efficienza e a ridurne radicalmente i costi», replica il sindaco Marinelli. «In soli sei mesi si è provveduto, tra l'altro, a reinternalizzare il servizio tributi con un risparmio per l'ente di oltre 100.000 euro annui se si pensa al solo dato dell'aggio; si è anche rinunciato in toto alla figura del responsabile del settore Lavori Pubblici accorpandola con l'area gestione del territorio con un risparmio di oltre € 70.000 per l'ente; abbiamo già attivato la gestione interna dello sportello unico senza assunzione di personale garantendo all'ente oltre al risparmio degli esborsi precedenti delle ulteriori entrate; il servizio vigilanza ha assunto l'onere di gestire la riscossione degli espositori del mercato settimanale che erano ferme da oltre due anni con ottimi ed immediati risultati per le casse comunali; si è riusciti a garantire l'apertura della biblioteca e l'archivio storico grazie al volontariato e ai progetti sociali mentre in precedenza per tali servizi venivano erogati migliaia di euro alla società arcobaleno oggi in liquidazione».«Quando ci siamo insediati -aggiunge il sindaco Marinelli - avevamo dato ai dirigenti degli obiettivi ben precisi nell'interesse della cittadinanza e sono stati tutti raggiunti prima del previsto garantendo al Comune di Pianella un'economia a partire dall'anno 2014 per circa € 600.000: E ciò a fronte semplicemente di una redistribuzione dell'indennità dirigenziali che la precedente amministrazione erogava a pioggia per ottenere forse maggiori consensi orientandola agli obiettivi. Per quanto ci riguarda la meritocrazia è un concetto che si applica giorno per giorno e in questo caso si è dimostrato come possa migliorare di gran lunga l'efficienza della pubblica amministrazione garantendo anche grandissimi risparmi ai cittadini: che tali concetti siano totalmente ignoti ai consiglieri di opposizione a Pianella  è un dato ormai più che acquisito».