TRASPARENZA E REDDITI

Spoltore, sì all’anagrafe degli eletti. Sul web tutti i dati

Via libera al regolamento per la gestione degli impianti sportivi

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1625

Spoltore, sì all’anagrafe degli eletti. Sul web tutti i dati





SPOLTORE. Ieri nel corso del consiglio comunale, sono stati approvati due regolamenti.
Il primo relativo alla gestione e all’utilizzo di palestre e impianti sportivi comunali e l’altro sulla pubblicità e
trasparenza della situazione patrimoniale dei titolari di cariche pubbliche elettive di governo. Il primo regolamento, approvato con 10 voti favorevoli, è stato presentato dal consigliere con delega allo Sport Loris Masciovecchio, che ha sottolineato la «necessità di una regolamentazione in materia e l’impegno dell’Amministrazione nel perseguire questa strada, andando incontro alle esigenze delle associazioni sportive che operano sul territorio e che da troppo tempo attendono risposte concrete su questo fronte».
Nello specifico, tale regolamento stabilisce norme in materia di: classificazione degli impianti sportivi comunali e delle attività sportive (impianti a rilevanza economica, impianti privi di rilevanza economica, impianti di interesse cittadino e impianti di interesse zonale); ripartizione delle competenze; concessione all’utilizzo di palestre comunali; uso degli impianti sportivi; concessione in gestione degli stessi; tariffe dovute per l’utilizzo delle palestre e degli impianti sportivi, generalmente rapportate ai costi sostenuti dal Comune. Ad ogni modo la Giunta, in sede di approvazione delle tariffe, può disporre eventuali riduzioni in funzione delle varie tipologie di attività svolte dagli utilizzatori, agevolando quelle di tipo agonistico e quelle rivolte al settore giovanile e ai diversamente abili.
Gli utenti di riferimento sono: i singoli cittadini, le scuole, le società e le associazioni sportive, le Federazioni e gli enti di promozione sportiva.
Il secondo regolamento è stato approvato all’unanimità. In linea con la normativa nazionale, persegue e attua i valori della legalità, della trasparenza e dell’accessibilità alle informazioni che regolano l’attività della pubblica amministrazione e dei suoi organi di governo. Le disposizioni di tale regolamento si applicano ai Consiglieri comunali, al Sindaco e agli assessori, ma anche al coniuge, ai parenti entro il secondo grado (figli e genitori; fratelli e sorelle, nonni e nipoti), ove questi acconsentano espressamente e formalmente e nei limiti previsti dalla legge.
«Così come previsto dalla normativa nazionale, abbiamo redatto la regolamentazione sulla trasparenza anche per agevolare i diretti interessati nella dichiarazione della propria situazione patrimoniale e di quella dei propri parenti, considerando la evidente difficoltà di questo nuovo modo di procedere», ha sottolineato il sindaco Luciano Di Lorito.