LA POLEMICA

Luci natalizie a Vasto, tassa di 32 euro per i commercianti

Michele Marisi: «Loro spengono il cervello, voi spegnete le luminarie»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1896

Luci natalizie a Vasto, tassa di 32 euro per i commercianti




VASTO. Natale amaro per i commercianti del centro storico della città
Ieri hanno ricevuto una richiesta di autorizzazione all'installazione di luminarie che gli esercenti devono compilare e riconsegnare in Commissariato, allegando due marche da bollo da 16 euro l'una.
In caso contrario, dovranno essere rimossi gli impianti luminosi con carattere di straordinarietà ricadenti sul suolo pubblico. Dunque chi vuole installare luminarie dovrà sborsare ben 32 euro, altrimenti passerà il Natale ‘al buio’. Non mancano polemiche per questa iniziativa che suona come una beffa per i commercianti, già in gravi difficoltà per la crisi economica, che non solo comprano da soli le luminarie e ne pagano le bollette, ma devono versare quest’ulteriore.
Nei giorni scorsi i commercianti avevano ricevuto un altro documento nel quale si chiedeva la rimozione delle insegne a bandiera
«Chiedere ancora soldi agli esercenti pubblici per l’installazione, fuori dalle proprie attività, delle luminarie, sembra veramente la prosecuzione di una lotta senza fine al commercio vastese», commenta Marco di Michele Marisi, Responsabile di ‘Giovani In Movimento’, il sodalizio dei giovani del centrodestra vastese.
« Trentadue euro di marche da bollo e documentazione simile, tra poco, a quella che si richiede a chi deve costruire una casa. Non solo, dunque, i commercianti si preoccupano di creare un clima festoso in città illuminando le strade a spese loro…gli si chiede anche di pagare una tassa. Insomma, tra crisi e continue imposte, ci mancava solo questa. Qualcuno obietterà – ha proseguito il Responsabile di ‘Giovani In Movimento - che è la legge che lo stabilisce. Bene, ma visto che è l’articolo 57 del ‘Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza’ a decretare ciò, il Comune, consapevole delle norme, avrebbe potuto programmare e prevedere degli sgravi a beneficio di chi avesse partecipato all’abbellimento della città durante le festività natalizie, così da fargli recuperare la curiosa tassa e da invogliare, addirittura, a rendere più accogliente Vasto».
‘’Loro spengono il cervello, voi spegnete le luminarie!’’ è la provocazione che ha lanciato Marco di Michele Marisi.