POLITICA

Anversa: patrimonio pubblico in svendita: perché?

La ‘Villetta’ in zona sic ai privati

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1348

Anversa: patrimonio pubblico in svendita: perché?




ANVERSA. Perché proprio in un momento di crisi, in cui non si parla che di spending review e della necessità per i Comuni di autofinanziarsi, perchè si decide di svendere un bene collettivo di grande pregio, ad un prezzo chiaramente al di sotto di ogni valore di mercato?
E’ il caso della “Villetta”, una zona di rilievo per la collettività anversana, all'imbocco delle Gole del Sagittario, in area SIC, e da sempre patrimonio del paese, già destinata a verde pubblico e poi sottratta a tale uso per darla in concessione a privati, ad un canone peraltro esiguo. Ora si sostituisce quel canone irrisorio con una vera e propria cessione: l'area viene alienata, dopo averla sdemanializzata e sottratta alla sua funzione pubblica, uscendo definitivamente dalla proprietà del Comune.
«Una scelta dolorosa per una zona che da sempre appartiene alla collettività», commenta Nunzio Marcelli, «per una delle aree di maggiore pregio territoriale e commerciale; un sacrificio che si potrebbe comprendere solo per una necessità impellente di fare fronte ad esigenze di bilancio sempre più ristrette: ma così non è, dato il valore assolutamente irrisorio della somma richiesta al privato per l'acquisto, peraltro con unico acquirente, senza che sia prevista un'asta o offerta pubblica, che sicuramente avvantaggerebbe la trasparenza e le casse comunali».
In un intervento in Consiglio Comunale il Capogruppo di “Uniti per Anversa”, Gabriele Giannandrea, ha rivolto un accorato appello all'Amministrazione affinchè rivaluti questa scelta, non ricevendo però nessuna risposta da Sindaco e Assessori. «A questo punto», chiude Marcelli, «pur volendo credere nella buona fede di amministratori e professionisti, data l'assenza di ogni risposta, non può che sorgere spontanea una domanda: se il vantaggio non è per le casse comunali, per chi è dunque?»