CULTURA

AQ19, Pezzopane: «quando L’Aquila viene penalizzata Chiodi festeggia»

Per la senatrice la sconfitta di qualche giorno fa deve essere comunque un nuovo punto di partenza»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1532

L'assessore Stefania Pezzopane

Stefania Pezzopane





L’AQUILA. «L’Aquila 2019 rimane un obiettivo della nostra città».
Ne è convinta la senatrice del Pd, Stefania Pezzopane, dopo la bocciatura arrivata venerdì scorso.
Ma l’esponente del Partito Democratico e promotrice del comitato che sosteneva la candidatura della città guarda avanti: «l’Europa e l’Italia non hanno voluto crederci, non hanno voluto sostenere questa grande sfida e puntare sull’Aquila, ma noi crediamo in noi stessi e nelle nostre potenzialità, ed è per questo che se non diventeremo Capitale Europea della Cultura nel 2019, saremo comunque Città Europea di Cultura».
Grazie ad un ordine del giorno presentato nell’ambito della legge di Stabilità, di cui proprio la senatrice è firmataria e sui cui l’esecutivo ha espresso un parere positivo in commissione, ora si chiede al governo di individuare strumenti idonei, nell'ambito della programmazione 2014/2020, al fine di sostenere, attraverso il concorso dello Stato, delle Regioni e degli enti territoriali, il "Programma Italia 2019", come opportunità per valorizzare i progetti espressi dalle città che hanno presentato la candidatura a Capitale europea della cultura.
«Il 2019- prosegue Pezzopane- può essere davvero un orizzonte comune di lavoro, ricco di opportunità per tutti. Per L’Aquila il 2019 ha un significato in più: a dieci anni dal terremoto dovremo aver vinto la sfida della ricostruzione, non solo materiale, ma sociale e culturale della città. Ecco perché non ci diamo per vinti, nonostante gli sciacalli che continuano a tifare contro».
E non manca la solita polemica con Chiodi: «ogni volta che L’Aquila viene penalizzata, stappa bottiglie di champagne. È incredibile- prosegue Pezzopane- Nel 2010 strumentalizzava la candidatura dell’Aquila, come ennesimo suo spot elettorale, poi ha abbandonato l’idea. La Regione ha sempre boicottato la candidatura, non ci ha mai sostenuto economicamente. Solo di recente, durante la presentazione del dossier lo scorso 20 settembre, Chiodi si è ricordato dell’Aquila, ci ha scritto una lettera di appoggio e ha mandato il suo ex assessore De Fanis a prometterci un sostegno, mai concretizzatosi. Dopo aver mortificato la cultura aquilana, tagliato i fondi alle istituzioni aquilane, ucciso l’Accademia dell’Immagine, rallentato la ricostruzione quando ha rivestito il ruolo di commissario, adesso Chiodi accolla le responsabilità della nostra esclusione al governo. Quello stesso governo che fino a ieri sosteneva e che oggi, dopo la spaccatura del PDL e la sua scelta di appoggiare Forza Italia e Berlusconi, gli torna utile attaccare strumentalmente».
Pezzopane apprezza invece le dichiarazioni di Giorgio De Matteis, che dichiara di non dover disperdere il lavoro portato avanti fin qui.
«È proprio quello che abbiamo intenzione di fare, non mollare», chiude la senatrice.