RICOSTRUZIONE

L’Aquila, l’assessore Liris: «il Genio Civile torna a correre»

«Dopo alcuni giorni di impasse ora si torna alla efficienza dei mesi scorsi»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1616

L’Aquila, l’assessore Liris: «il Genio Civile torna a correre»

L'assessore Liris




L’AQUILA. L'assessore Provinciale alla Ricostruzione e Genio Civile Guido Quintino Liris annuncia che dopo qualche giorno di impasse dovuto alla poca chiarezza della normativa nazionale inerente competenze e qualifiche dei tecnici geologi, oggi, finalmente, il Genio Civile della Provincia dell'Aquila «torna alla efficacia e alla efficienza tanto apprezzata negli ultimi cinque mesi».
«Sono veramente orgoglioso di comunicare come, a seguito di una nota chiarificatrice del 12 novembre 2013 ad opera del Dirigente, oggi la querelle inerente i geologi, le prove geognostiche e geotecniche, e le rispettive certificazioni, è definitivamente superata. Un vuoto normativo ha creato condizioni di incertezza e di equivoche interpretazioni. L'Ufficio del Genio Civile, che sta dimostrando la sua centralità nel percorso di Ricostruzione, torna a sfornare pratiche e a gestire, con la professionalità che contraddistingue gli operatori del Settore, le singolarità tecniche e burocratiche che non hanno né precedenti né
letteratura di riferimento», continua Liris.
«Ringrazio da aquilano e da amministratore il Dirigente e i Funzionari che operano negli uffici dell'Aquila, di Avezzano e di Sulmona, per aver dato risposta immediata alle mie sollecitazioni a riguardo; sottolineo, inoltre, come la pazienza e la collaborazione degli Ordini Professionali dimostrate nei miei confronti, siano riuscite a creare le condizioni tecniche e ambientali per la soluzione delle problematiche emerse in
questi giorni».
Tra qualche giorno si esprimerà riguardo questa stessa problematica l'Ufficio Speciale della Ricostruzione dell'Aquila. «L'efficacia della sinergia tra Istituzioni, Ordini Professionali e stake-holders», chiude Liris, «dimostra, qualora ce ne fosse ancora bisogno, quale debba essere la strada da seguire nel percorso di Ricostruzione di questo territorio».