POLITICA

Impianto Biomasse Bazzano, Consiglio comunale L’Aquila dice no

Sì alla realizzazione del mercato contadino

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2767

Impianto Biomasse Bazzano, Consiglio comunale L’Aquila dice no

L’AQUILA. Il consiglio comunale, dopo aver osservato, in apertura dei lavori, un minuto di silenzio in memoria del dirigente Angelo Bonanni e di Fabrizio Pambianchi, ha approvato all'unanimità l'ordine del giorno, elaborato in sede di commissione consiliare Ambiente e Territorio e firmato dal presidente della stessa Enrico Perilli, relativo all'impianto a biomasse di Bazzano.
Attraverso il documento il Consiglio comunale esprime la sua contrarietà alla localizzazione prescelta per l'impianto e impegna il sindaco e la giunta a richiedere alla Regione Abruzzo di convocare una conferenza interistituzionale tra la stessa Regione, Provincia, Parco nazionale del Gran Sasso e Parco regionale del Velino - Sirente, Nucleo per lo Sviluppo industriale, Amministrazioni dei Beni separati, Asl, Arta e Corpo forestale dello Stato, al fine di analizzare tutti gli aspetti emersi in quadro di insieme e di arrivare ad una decisione approfondita e ponderata.
Impegna inoltre sindaco ed esecutivo a chiedere al Consiglio regionale di invitare e impegnare, attraverso apposita mozione, la giunta regionale a richiedere agli uffici l'immediata rivisitazione della procedura che ha portato all'autorizzazione unica, previa sospensione degli effetti della stessa, anche alla luce della mutata potenza dell'impianto.
Il documento contiene inoltre la richiesta di impegno, sempre per il primo cittadino e la giunta, "a chiedere alla Provincia di avviare un'azione analoga per verificare il contrasto con il Piano di qualità dell'aria e il Piano energetico, che impongono il recupero dell'80 per cento del calore generato, e, parallelamente, di rivedere la legittimità della deroga all'Arta sui gas rilasciati. Li si impegna inoltre a invitare l'autorità di Bacino e il Genio civile regionale a pronunciarsi e a suggerrire al Nucleo Industriale una diversa assegnazione dei terreni, infine, a valutare, viste le mutate condizioni ambientali e alla luce dell'esito della conferenza interistituzionale, la revisione del parere igienico sanitario".

VIABILITA’ AREA EX TEGES
Approvato dall'assemblea all'unanimità anche un secondo ordine dle giorno, a firma dei consiglieri Daniele Ferella (Tutti per L'Aquila) e Alì Salem (Pd), relativo alla viabilità nell'area del sito ex Teges, a Paganica, utilizzato per lo stoccaggio e il recupero delle macerie. Il documento fa riferimento ad un accordo di programma, sottoscritto nel 2010, per il miglioramento della viabilità della zona, in virtù del quale L'Ufficio speciale Espropri ha avviato il relativo procedimento. L'ordine del giorno impegna il sindaco e l'amministrazione a comunicare formalmente all'ufficio competente, alla Provincia e ai sottoscrittori dell'accordo che l'esigenza di realizzare tale viabilità alternativa è stata superata e di valutare l'opportunità di poter ridurre l'intervento limitandosi a "migliorare la viabilità di accesso al sito".

CAMPO DI CALCIO A PAGANICA
Via libera del Consiglio al progetto preliminare per la realizzazione di un campo di calcio a Paganica, nell'area dove insiste il progetto Case. Il progetto è stato donato all'amministrazione comunale dall'associazione sportiva Paganica Calcio e verrà realizzato grazie a una donazione, pari a 250mila euro, proveniente dalla Lega italiana calcio professionistico (Lega Pro). La proposta deliberativa è stata presentata dall'assessore alle Opere pubbliche Alfredo Moroni.

UNA STRADA IN LOCALITA’ ACQUASANTA
Via libera all'unanimità dell'assemblea anche alla proposta di deliberazione, a firma dell'assessore alle Opere pubbliche Alfredo Moroni, per la realizzazione, in variante al Piano regolatore generale, di una strada in località Acquasanta, come richiesto dai residenti ai fini di consentire un più agevole accesso alle rispettive abitazioni. Il progetto, approvato dal Consiglio, ha un costo di 200mila euro ed è stato elaborato dal settore comunale Opere pubbliche.
Il Consiglio ha approvato all'unanimità anche la proposta di deliberazione, presentata dall'assessore alla Ricostruzione Pietro Di Stefano, relativa alla demolizione e successiva ricostruzione di un immobile demaniale, situato in via Pile, adibito ad alloggi e archivio. L'immobile che verrà realizzato conterà due livelli fuori terra più un piano seminterrato e verrà assegnato agli archivi della Regione Abruzzo e del Provveditorato alle Opere pubbliche.
Approvato all'unanimità anche l'Accordo di Programma con Enel distribuzione per la realizzazione del progetto, presentato dalla stessa società, relativo all'infrastruttura "Smart Grids per L'Aquila e il suo ruolo nell'abilitazione di tecnologie e servizi per la Smart City".

IL MERCATO CONTADINO
Via libera anche al cambio di destinazione d'uso di un immobile, di proprietà comunale, situato in via Eusanio Stella, che passa da "attrezzature tecniche" ad "attrezzature commerciali". La variazione si è resa necessaria per consentire di destinare l'immobile a "Mercato contadino", facendo seguito a una proposta di Slow Food Abruzzo e della Confederazione italiana agricoltori (Cia), nata dalla volontà di realizzare un mercato in grado di accogliere i venditori di prodotti contadini che, fino alla data del sisma, esercitavano la vendita in piazza Duomo o negli esercizi commerciali del centro storico. Il Mercato verrà realizzato con fondi raccolti dalle due associazioni, per complessivi 206mila 700 euro.