IL BILANCIO

Silvi, riduzione Tares per categorie più penalizzate

Approvato il bilancio preventivo

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2332

Silvi, riduzione Tares per categorie più penalizzate




SILVI. Nella seduta consiliare di mercoledì 13 novembre l’amministrazione comunale ha approvato il bilancio preventivo.
Vi sarà un alleggerimento fiscale per: alberghi con ristorante del 13,55%; per ristoranti, trattorie, osterie, pub del 46,11%; per bar, caffè, pasticcerie del 12,43%; ortofrutta, pescherie, fiorai, pizzerie al taglio del 30,94%. Le categorie interessate potranno recarsi presso gli uffici comunali per ulteriori informazioni.
«L’amministrazione recependo e comprendendo il particolare periodo storico dovuto ad una grave crisi economica - così si legge in una nota dell’Amministrazione – e partendo dal presupposto che si sono verificati casi di eccessivo aumento di tale onere a carico di talune categorie di attività rispetto alla Tarsu, non giustificato da un paritetico aumento di produttività o di quantità di rifiuti prodotti al 2012, ha approvato con atto di Giunta n. 233 del 13 novembre, una riduzione TARES. Cercando con questo atto di riequilibrare al meglio la tassa, venendo incontro a quelle categorie che più sono state penalizzate dalla stessa».
«L’amministrazione prende atto della proposta costruttiva fatta in Consiglio comunale a nome delle minoranze - continua la nota – nel aver dato la propria disponibilità ad apportare congiuntamente ulteriori migliorie in sede di assestamento di bilancio, che andrà al vaglio del Consiglio comunale a fine novembre».
Il consiglio per l’approvazione del Bilancio Preventivo 2013 si è aperto con la comunicazione della minoranza PD e SEL, con la quale hanno invitato Sindaco e Amministrazione a rivedere fortemente, in sede di assestamento di bilancio, la Tares.
L’azione avviata congiuntamente nei giorni scorsi da PD e SEL, condivisa anche nella Conferenza dei Capigruppo che ha preceduto il Consiglio, ha già permesso di attivare le procedure per la rateizzazione del dovuto e l’annullamento dei bollettini spediti.
«Ci sarebbe da chiedersi», dicono Pd e Sel, «perché a Silvi è stata applicata la Tares, quando molti comuni della nostra regione mantengono la Tarsu».