POLITICA

Montorio. Guizzetti e Foglia: «spodestato il Consiglio Comunale»

I due consiglieri dissidenti del Pd contro l’amministrazione cittadina

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1705

Foglia e Guizzetti

Foglia e Guizzetti




MONTORIO AL VOMANO. «E' inaccettabile che da più di tre mesi non viene convocato il Consiglio Comunale».
La protesta arriva dai consiglieri dissidenti del Pd montoriese Andrea Guizzetti ed Anna Foglia: «da luglio lo si convoca solo ora, infatti è previsto in seduta straordinaria per giovedì 7 novembre, e solo per le imposte comunali che i cittadini devono pagare, come se per il nostro paese non ci sia altro da discutere, come se tutto procede per il meglio, invece la situazione economica e sociale è drammatica. Nel comune di Montorio aumenta il disagio sociale, la crisi economica e l’incapacità della maggioranza di amministrare, sono un connubio che sta portando il nostro paese, un tempo centro economico e sociale della vallata del Vomano e di tutta la Provincia, fra gli ultimi posti per la vivibilità e le aspettative socio economiche, nonché di lavoro».
I due consiglieri si dicono «molto preoccupati» perché «il sindaco e la sua maggioranza sono totalmente assenti, distanti anni luce dai problemi reali del paese e dei suoi cittadini, infatti assistiamo ormai da molti anni, ad annunci del primo cittadino, di progetti fantasmagorici che non verranno mai realizzati, mentre sui problemi quotidiani, sul lavoro che manca, sui servizi che si perdono, sul disagio sociale in genere che dilaga, assenza ed indifferenza totale. Come consiglieri ci sentiamo spogliati delle prerogative che ci sono assegnate per legge. Ci sono moltissime questioni da discutere, abbiamo presentato una interrogazione sulla situazione della scuola materna e dell’asilo nido ormai da più di un mese e mezzo, le imprese chiudono quotidianamente, il poliambulatorio è stato declassato, la Croce Bianca rischia il blocco dei servizi, l’ambulanza donata dal Monte dei Paschi di Siena con fondi del terremoto non si sa che fine ha fatto, il fondo sociale anticrisi per le famiglie bisognose non è stato rinnovato, l’apertura del teatro comunale è ormai una chimera, del bilancio comunale non si ha notizie, e queste sono solo alcune delle problematiche da discutere, ma per sindaco e maggioranza tutto ciò non ha importanza». 


«Crediamo che ormai il sindaco con la sua giunta debbano prendere coscienza della loro incapacità di governare e dell’ormai assenza di fiducia nei loro confronti da parte dei cittadini – concludono Guizzetti e Foglia – confermata anche dalla sonora batosta e figuraccia della lista dell’assessore Marco Citerei con capolista lo stesso sindaco alle primarie per la segreteria provinciale del PD, tenutesi una settimana fa circa a Montorio, dove hanno ottenuto un risultato alquanto deludente, battuti ampiamente da un candidato di un altro Comune. Ormai anche gli stessi iscritti del PD montoriese non hanno più fiducia nei loro confronti e non li votano più, questo segno che necessita urgentemente un cambio di leadership sia nel PD che nella guida del paese e che conferma tutte le nostre perplessità che ci hanno portato ad uscire dalla maggioranza. Il nostro vuole essere un grido di allarme, affinché in una situazione ormai insostenibile, di blocco totale dell’attività amministrativa, ci siano all’interno della maggioranza ancora consiglieri coscienti e con un minimo di responsabilità, pronti a staccare subito la spina al Sindaco, meglio andare verso un commissariamento di sei mesi che continuare con questa amministrazione, per poi ridare la parola ai cittadini con nuove elezioni».