POLITICA

Ricostruzione L’Aquila, Cialente soddisfatto dopo la riunione al Ministero

Ecco che cosa si è deciso

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2058

Ricostruzione L’Aquila, Cialente soddisfatto dopo la riunione al Ministero




ROMA. Si è da poco concluso l'incontro, tenutosi nella sede del Ministero dello Sviluppo economico, tra il Governo, rappresentato dal vice ministro dell'Economia Stefano Fassina e dal sottosegretario Giovanni  Legnini, i vertici dirigenziali del Ministero,  i rappresentanti del Diset, Dipartimento per lo sviluppo delle economie terriotriali, il Comune dell'Aquila, per il quale hanno partecipato il sindaco dell'Aquila Massimo Cialente e l'assessore alla Ricostruzione Pietro Di Stefano, e i Comuni del cratere.
«L'incontro - ha dichiarato il sindaco Cialente - è servito a chiarire una volta per tutte la reale situazione dell'andamento della ricostruzione rispetto ai finanziamenti erogati dal Governo».
 La scelta del Comune dell 'Aquila è stata quella di far parlare i numeri –ha spiegato al termine Cialente- ed è per questo motivo che sono stati invitati dai sindaci anche i due coordinatori degli Uffici speciali per la Ricostruzione del Comune dell'Aquila e di quelli del cratere, Paolo Aielli e Paolo Esposito.
«Finalmente sia il Governo che, soprattutto, i vertici ministeriali», ha detto il sindaco, «hanno preso atto e verificato che le risorse stanziate dalla delibera Cipe 135 per la ricostruzione privata sono state giá completamente impegnate e che i fondi per 1,2 milioni previsti dalla  legge 43 del 2013, sebbene spalmati nei prossimi sei anni, risultano insufficienti anche solo per finanziare i progetti già approvati e pronti a partire. Allo stesso modo è stato chiarito che i 600 milioni previsti dalla Legge di Stabilità non coprirebbero, per la sola ricostruzione privata, che i mesi di gennaio e febbraio 2014. Il tutto senza considerare i fondi per la ricostruzione pubblica, relativi a sottoservizi, scuole, edilizia popolare, assistenza alla popolazione, smaltimento macerie, spese per il funzionamento degli Uffici speciali e ricostruzione dei Comuni fuori cratere».
«Il Governo - ha proseguito Cialente -  dopo essersi complimentato per l'assoluta efficacia raggiunta dalla macchina amministrativa, che vede la capacitá dell'Ufficio speciale del Comune dell'Aquila di approvare progetti per  110 milioni di euro al mese e quelli del cratere per 40 milioni al mese, ha convenuto che, nella Legge di Stabilità, si dovranno assolutamente trovare risorse in competenza al fine di evitare il rallentamento o, peggio ancora, il blocco della ricostruzione. Si è inoltre convenuto, come da noi più volte affermato, circa la profonda differenza tra necessità di competenze e necessitá di cassa. È stato dunque stabilito di fissare un nuovo incontro tecnico per valutare il reale "tiraggio" di risorse da parte delle imprese ed è stato riconfermato il programma di regolare consegna di report bimestrali. Nel corso della riunione - ha aggiunto Cialente - ho nuovamente richiesto di individuare un'apposita struttura ministeriale che, prendendo in esame alcuni progetti di edifici in categoria E, la cui disamina sia stata completata, possa valutare, attraverso la tracciabilità del Cup, il Codice unico di progettazione, il complessivo ritorno, sottoforma di risposte e in termini di tassazioni, dell'intera filiera della ricostruzione, per il Governo, le Regioni e Comuni. Ritengo infatti  che da questo dato emergerebbe come, a fronte di un milione di euro investito nella ricostruzione, nel giro di massimo due anni, ne rientra fra il 60 e il 70 per cento, senza considerare quanto deriva dall'aumento del Pil. Un dato, questo, - ha concluso Cialente - che un Governo serio, di un Paese serio, non può non documentare, come studio, almeno una volta, anche per uscire da asfittiche ed estemporanee previsioni di bilancio».