POLITICA

Idv, «riforme a costo zero per far ripartire l’Abruzzo»

Esecutivo regionale conferma Mascitelli e rinnova tutta la squadra

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

823

Idv, «riforme a costo zero per far ripartire l’Abruzzo»




ABRUZZO. Il congresso regionale dell’Italia dei Valori, che si è svolto nella giornata di domenica a Palazzo Sirena a Francavilla al Mare, con la conferma di Alfonso Mascitelli, ha eletto una squadra dell’esecutivo regionale completamente rinnovata.
I dieci componenti eletti collegati alla mozione di maggioranza sono Alessandra Vella, Lea Del Greco, Luciana De Paolis, Paola Mancini, Valentino Di Carlo, Gaetano Pagliaroli, Vincenzo Marcone, Paolo Mingroni, Marcello Salerno e Enzo Fangio.
Con la mozione di minoranza sono stati eletti Rinaldo Mariani, Gabriele Di Bucchianico, Lelio De Santis, Luigi Ragni e Giovanni Cocciante. Nella prima riunione dell’esecutivo regionale verranno indicati i nomi dei responsabili regionali dei dipartimenti. Come coordinatrice regionale donne è stata eletta Simonetta Schiazza di Ortona e rappresentante per l’Abruzzo all’Esecutivo Nazionale Annita Zinni di Sulmona.
«A pochi mesi dalle elezioni, è stato un congresso importante e tutto rivolto ad affrontare le vere emergenze della nostra regione: lavoro, sanità, tutele sociali e ricostruzione dell’Aquila, partendo da un giudizio fortemente negativo sui cinque anni di governo della giunta Chiodi».
E’ stato il primo commento del segretario regionale Alfonso Mascitelli alla fine dei lavori del congresso.
«A breve presenteremo le nostre proposte concrete da inserire nel programma amministrativo delle prossime regionali, riforme a costo zero per far ripartire l’Abruzzo e ricercheremo nella società civile una buona candidatura che ci possa rappresentare in occasione delle primarie, da farsi al più presto. La nostra regione non ha più tempo da perdere. La presenza al nostro congresso dei tre segretari regionali del Pd, Sel e Psi è il segno che siamo già a buon punto per aprire l’alleanza anche a tutte le forze civiche di cambiamento. La vittoria del centrosinistra – ha concluso Mascitelli - non è affatto scontata e sarebbe imperdonabile commettere errori che riconsegnano l’Abruzzo ad altri 5 anni di immobilismo dannoso».