ACQUA TORBIDA

Sasi nel mirino della Procura, «i sindaci rimuovano immediatamente Scutti»

La richiesta di Rifondazione Comunista

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2545

ACQUA TORBIDA





LANCIANO. Le notizie sugli avvisi di garanzia per il presidente della Sasi (appena riconfermato) Domenico Scutti ed alcuni ex consiglieri di amministrazione fanno scattare le proteste di Rifondazione Comunista.
La Procura vuole chiedere il rinvio a giudizio per 6 ex esponenti di passati cda. L’accusa è quella di concorso in false comunicazioni sociali sui bilanci 2009 e 2010.
L’inchiesta, commentano Marco Fars, segretario Prc Abruzzo e Riccardo Di Gregorio, segretario Prc Chieti, «avvalorano le denunce e le richieste di un netto cambio di rotta per la Sasi e la gestione dell’acqua in Provincia di Chieti portate avanti in questi anni dal Comitato Acqua Bene Comune di Lanciano e Vasto (che il Partito della Rifondazione Comunista sostiene sin dall’avvio della pluriennale mobilitazione). Sin dalla prima assemblea dei sindaci, avvenuta il 5 Agosto scorso (73 giorni fa), è stato chiesto ai sindaci di non interessarsi soltanto alla spartizione delle poltrone del Consiglio di Amministrazione ma di mettere al centro il “bene comune” e la sua tutela. La precedente gestione Scutti è apparsa sempre più discussa e discutibile sotto tantissimi aspetti, dalla netta e totale chiusura verso le istanze della cittadinanza e dei comitati al rispetto dei referendum del Giugno 2011 fino al contenzioso con l’Acea (uno dei rilievi mossi dagli odierni avvisi di garanzia e tra i punti centrali anche dell’esposto della settimana scorsa del Comitato Acqua Bene Comune di Lanciano)».

«I sindaci di Pd, Pdl e Udc», vanno avanti i due esponenti di Rifondazione, «hanno svolto tre assemblee della Sasi interessandosi unicamente della spartizione delle poltrone nel nuovo Consiglio di Amministrazione, arrivando a riconfermare la propria fiducia in Domenico Scutti, sulla cui gestione già varie indagini della magistratura erano in corso. Il non interessarsi minimamente di queste indagini, il non puntare sulla totale trasparenza e informazione alla cittadinanza di quanto stava accadendo, il voler mettere interessi di partito davanti a tutto e tutti decidendo di riconfermare senza alcun indugio una gestione a dir poco discussa e discutibile, appare oggi ancor di più nella sua gravità e insostenibilità».

Rifondazione chiede a tutti i sindaci di rimuovere «immediatamente questo Consiglio di Amministrazione, su cui gli avvisi di garanzia di questi giorni pesano come macigni. Diano avvio ad un netto cambio di rotta e scelgano le migliori professionalità possibili, lontani da interessi particolari e di partito. Persone che riportino il bene comune al centro, che tutelino i cittadini e le cittadine, che perseguano il rispetto dei referendum del giugno 2011 e la fusione ISI-SASI, eliminando anche quest’ulteriore clamorosa situazione di due società, con gli stessi soci e che si occupano della medesima gestione, già ampiamente censurata dalla Regione e che non è in linea con la normativa nazionale».