POLITICA

Pescara, Fiorilli: «dalla nostra giunta scelte coraggiose per la sostenibilità»

«Progetti ambiziosi che i cittadini stanno pian piano comprendendo»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1755

Pescara, Fiorilli: «dalla nostra giunta scelte coraggiose per la sostenibilità»




PESCARA. «La sostenibilità oggi è una scelta di vita e di governo irrinunciabile e obbligata per una pubblica amministrazione».
Lo ha detto l’assessore alla Mobilità del Comune di Pescara Berardino Fiorilli nel corso del convegno promosso nell’ambito del GreenFest-Festival della Sostenibilità in corso all’Aurum.
Fiorilli ha parlato di «scelte coraggiose» della sua amministrazione che ha portato avanti «scelte ambiziose sul territorio: la pedonalizzazione di via Firenze-via Cesare Battisti, la valorizzazione di corso Vittorio Emanuele, diversificando la mobilità, gli investimenti sulle piste ciclabili e infine la filovia. Pian piano, in quattro anni, stiamo vincendo le resistenze dei più reticenti, tanto che sono decine gli stessi operatori commerciali di via Firenze che ci chiedono di allungare verso sud la riqualificazione e la chiusura alle auto della strada, segno di una politica e di una cultura che sta fortunatamente cambiando puntando alla riconquista degli spazi a favore di pedoni e ciclisti».
A moderare l’appuntamento il Coordinatore delle Politiche giovanili Vincenzo D’Incecco, alla presenza, tra i relatori, di Michele Russo, presidente della Gestione Trasporti Metropolitani, di Antonio Dell’Erba, amministratore delegato della Sisplan di Bologna, che ha redatto il Piano della sosta di Pescara, il vicepresidente di Greensharing, e dell’architetto Alfredo D’Ercole.
«La cultura della sostenibilità oggi si lega a doppio filo con il concetto stesso di mobilità – ha sottolineato l’assessore Fiorilli – e alle pubbliche amministrazioni, oggi, le città chiedono di avere il coraggio delle scelte, che a volte possono sembrare anche impopolari, ma che con un’adeguata conoscenza e partecipazione diventano subito condivise. Lo abbiamo visto in via Firenze, dove, con convinzione, abbiamo portato avanti un ambizioso progetto di pedonalizzazione che ha trasformato quella strada nel nuovo salotto di Pescara, una scelta che è stata vincente». 

«In pochi mesi dalla conclusione dei lavori», ha spiegato Fiorilli, «abbiamo assistito a un incremento straordinario di pubblici esercizi e di locali, tanto che il progetto iniziale prevedeva un intervento sino a via Trieste che poi siamo stati ‘costretti’ ad allungare sino a via Genova proprio perché i commercianti ce lo hanno chiesto. Con uno sforzo, anche economico, ci siamo riusciti, ma è paradossale pensare che sono stati proprio i commercianti a chiederci di chiudere la strada al traffico, cosa che forse dieci anni fa sarebbe stata impensabile. E sono gli stessi commercianti che oggi ci chiedono di proseguire quell’intervento allungando verso sud la pedonalizzazione, vincendo la diffidenza iniziale che c’è sempre, come oggi sta accadendo per il progetto di riqualificazione di corso Vittorio Emanuele».
Oggi su questo punto ci sono delle resistenze fortissime: «abbiamo compreso il recupero di quell’asse viario tra le nostre priorità proprio partendo dalle fortissime sofferenze economiche che oggi registriamo in quel corso: mentre la sosta con disco orario sul lato mare rappresenta un valido supporto per le attività che si trovano su quel versante della carreggiata, il lato monte è quasi completamente desertificato, e, in maniera assurda, gli ingombranti volumi di traffico oggi esistenti sull’asse sono un ostacolo, tanto da non consentire neanche al pedone di attraversare la strada».
«Il nostro progetto di riqualificazione», ha detto ancora Fiorilli, «mira a superare la crisi, creando una diversificazione della mobilità, ovvero aprendo una strada parallela, verso ovest, a corso Vittorio Emanuele, strada che accoglierà i grossi flussi di traffico, lasciando sul corso il trasporto pubblico e il traffico residenziale, con un alleggerimento dei flussi veicolari dell’80 per cento, inoltre andremo ad ampliare i marciapiedi e a ridurre la larghezza della carreggiata stradale. Ma ovviamente la sostenibilità passa anche attraverso il potenziamento delle piste ciclabili, partendo con le riviere, oggi tutta percorribile con le due ruote, tranne un piccolo tratto a sud, da piazza Le Laudi al ponte di via Primo Vere, mentre stiamo già provvedendo al rifacimento del tratto di pista ciclabile compreso tra la Madonnina e piazza Primo Maggio». «La campagna per la sostenibilità per la Gtm – ha invece detto Russo – è passata innanzitutto attraverso l’innovazione totale del parco mezzi, per l’introduzione dei nuovi bus a metano, e proseguirà investendo sulla realizzazione della filovia, il primo mezzo di trasporto pubblico di massa veloce che transiterà su un percorso dedicato».