POLITICA E URBANISTICA

Progetto Tre Gemme, la giunta Mascia sostituisce la delibera

«Nessun passo indietro», assicura Antonelli

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5752

Progetto Tre Gemme, la giunta Mascia sostituisce la delibera




PESCARA. Ostruzionismo feroce dell’opposizione con 14 Consigli comunali convocati sulla questione che hanno prodotto ben poco.
Adesso l’assessore all’Urbanistica Marcello Antonelli annuncia che venerdì prossimo per la delibera ci sarà un «ritiro tecnico» e chiede di non parlare di passi indietro della maggioranza.
«La sostituiremo», spiega Antonelli, «con una nuova delibera elaborata in seguito a una circolare della Regione Abruzzo, al parere pro-veritate dell’avvocato Rulli acquisito su richiesta del Consiglio comunale e a fronte dell’enorme mole di emendamenti presentati. In questa maniera favoriremo un voto più celere al Consiglio».
Il passaggio è già disegnato – ha detto l’assessore Antonelli -: ritiro dell’atto in discussione e contestuale presentazione della nuova delibera nella quale c’è solo l’autorizzazione al cambio di destinazione d’uso «garantendo dunque una discussione più agevole e più celere», anche alla luce della decisione della Presidenza del Consiglio che ha ritenuto di non rendere ammissibili gli emendamenti presentati dalla maggioranza di centro-destra che sostanzialmente miravano a riscrivere la delibera.
«A questo punto porteremo in aula direttamente un nuovo atto deliberativo, dunque non si tratta di un vero ritiro perché comunque il Consiglio comunale deve esprimersi obbligatoriamente su Tre Gemme, come prevede la legge e su tale punto c’è un’irrinunciabile assunzione di responsabilità. In questo caso il Consiglio dovrà esprimersi solo sulla destinazione d’uso e non su altri aspetti che riguardano esclusivamente l’aspetto gestionale che va rimesso al dirigente competente».
Ma i componenti della commissione Urbanistica Enzo Del Vecchio, Camillo D’Angelo e Florio Corneli non mollano l’osso sulla questione del presunto conflitto di interesse del consigliere Marco Mambella (Pescara Futura): «è in rapporti professionali con la società Renes Adriatica titolare del 50% delle quote della società Ttre Gemme». Mambella parla di un rapporto professionale fermo al 2011 «ma tralascia di citare», fa notare Del Vecchio, «quello di questi giorni e protocollato al Comune in data 14.06.2013 con il n. 84479. Sulla delicatezza della vicenda ho personalmente fatto presente che sia il Segretario Generale che il Presidente del Consiglio dovranno rendere all’aula esaustivi chiarimenti in proposito e garantire che l’atto in esame sia immune da profili di illegittimità».