QUOTE ROSA

Montesilvano, Di Mattia lo dice anche al Tar: «nessuna donna vuole entrare nella mia giunta»

Il Tribunale però non accoglie la sospensiva dell'opposizione

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3420

Montesilvano, Di Mattia lo dice anche al Tar: «nessuna donna vuole entrare nella mia giunta»




MONTESILVANO. Ieri mattina si è tenuta l’udienza preliminare al Tar di Pescara per discutere il ricorso per l’annullamento della Giunta Di Mattia e il rispetto delle quote rosa.
Il ricorso, curato dall’avvocatessa e consigliere comunale di Rifondazione Comunista a Vasto Paola Cianci, è stato presentato dalla consigliera comunale Pdl Manola Musa e Elisabetta Vespasiani cittadina e attivista dei movimenti sociali.
Nel corso dell’udienza è emerso che il sindaco Di Mattia a seguito della notifica del ricorso ha emanato il decreto sindacale n.175 del 17 luglio 2013, più di due mesi dopo dei decreti di nomina degli assessori, nel quale si dichiara a posteriori che : «purtroppo l’istruttoria posta in essere non ha avuto esito positivo, avendo le persone contattate rifiutato l’incarico e non essendo stato possibile, data l’urgenza dell’adempimento, reperire in tempi ristretti altre donne idonee a cui proporre la nomina». Dunque la ricerca sembra davvero ardua ma comunque il sindaco ha promesso che entro il mese di ottobre troverà almeno un nominativo.
«Le giustificazioni a posteriori e le correzioni in corsa», commenta Corrado Di Sante (Rc), «denunciano ulteriormente la fondatezza del ricorso ed evidenziano la superficialità di questa amministrazione. È emblematico e imbarazzante che nei decreti di nomina della Giunta Di Mattia bis non fosse presente alcuna giustificazione, o alcuna nota particolare sui curriculum degli assessori scelti, come la norma prescrive».
Prima della revoca della prima giunta era presente l’assessore Stefania Di Nicola alla quale il sindaco non ha rinnovato la fiducia, inoltre dalla revoca della prima giunta alla nomina della giunta tutta al maschile sono trascorsi più di 20 giorni. Per Rifondazione «c’è stato il tempo per consultare tutti i partiti, più volte, ma non si è tenuto conto dell’equilibrata presenza dei generi in giunta in base alle normativa vigenti, troppo impegnati a discutere di pesi e contrappesi. Ribadiamo ancora una volta che la modifica dello Statuto che imponeva la legge 215/2012 è doverosa, ma ininfluente rispetto al riequilibrio di genere della giunta , il sindaco avrebbe potuto e dovuto riequilibrare la giunta in ogni momento , ma ha scelto finora di non farlo. Siamo fiduciosi nel buon esito del nostro ricorso, sarà la giustizia amministrativa a far rispettare un principio sacrosanto, nel comune di Montesilvano».

IL TAR RESPINGE SOSPENSIVA

Ma il tar di Pescara per il momento ha respinto l’istanza di sospensione degli atti impugnati e ha fissato al prossimo 7 novembre la trattazione nel merito del discorso. In quella data, però, il sindaco Di Mattia dovrebbe già aver rimediato alla carenza dal momento che ha annunciato che i nuovi ingressi rosa avverranno ad ottobre. 

MUSA: «AAA, CERCASI DONNA COMPETENTE»

«AAA cercasi cittadina di Montesilvano in possesso delle qualità necessarie a  ricoprire il ruolo di assessore del Comune in rappresentanza delle quote rosa», commenta la capogruppo del Pdl Manola Musa.  «Il primo cittadino vorrebbe far credere di essersi  rassegnato allorquando riceveva il rifiuto dell'assessore (revocato) Stefania Di Nicola, che al contrario non sembrava molto contenta della revoca. Da quanto sostiene col proprio atto difensivo, in realtà, al Di Mattia risulta  faticosa, se non impossibile, l'individuazione di una donna in grado di rivestire il ruolo di Assessore. Suggeriamo al distratto Sindaco di essere un po' più presente sul territorio, e di dialogare un po' più coi cittadini; in questo modo, ne siamo sicuri, scoprirà che ci sono molte donne in Città di gran lunga più capaci, sia per qualità professionali sia per attitudini personali, di tanti altri amministratori che negli anni passati, ed in questi mesi, hanno dimostrato scarse capacità amministrative, a discapito dei poveri concittadini montesilvanesi».

MONTESILVANO QUOTE ROSA: DECRETO DEL SINDACO