TASSE E POLITICA

Pianella, sbloccata la riscossione. Marinelli: «ora sblocchiamo gli aumenti»

La protesta di Filippone e Di Tonto: «nessuna discontinuità col passato»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3258

Pianella, sbloccata la riscossione. Marinelli: «ora sblocchiamo gli aumenti»




PIANELLA. In questi giorni i cittadini di Pianella stanno ricevendo l’addizionale Tarsu del 2012, deliberata nell’ottobre scorso dalla maggioranza di D’Ambrosio, ma per la quale fino ad ora non erano mai stati inviati i bollettini alle famiglie.
«Come ampiamente anticipato nel corso della campagna elettorale – comunica il sindaco Sandro Marinelli in una nota – la principale problematica che abbiamo trovato appena insediati al comune di Pianella è stata quella relativa al blocco totale delle riscossioni comunali, gestite dalla società Risco Pescara s.r.l., che avevano generato il prosciugamento delle casse comunali, ormai ridotte al limite nonostante l’utilizzo della anticipazione di cassa del tesoriere. Tale situazione metteva seriamente a rischio l’erogazione dei servizi essenziali, poiché nel mese di giugno si è seriamente messa in pericolo la raccolta dei rifiuti ed il pagamento degli stipendi ai dipendenti».
In tempi brevi, spiega il primo cittadino, «si è riusciti a superare le criticità e a far ripartire il sistema di riscossione che era di fatto bloccato da oltre 6 mesi, ma, purtroppo, si è generato in capo alla cittadinanza l’accumulo dell’addizionale Tarsu del 2012 e degli acconti Tares per il 2013 per i quali, tuttavia, si è prevista la possibilità di rateizzazione degli importi».


Il sindaco Marinelli spiega inoltre che la maggioranza «in poco più di un mese, oltre ad aver garantito nei termini previsti dal D.L. n. 35 il pagamento di debiti arretrati per 1,5 milioni di euro, sta operando senza tregua per ridurre al massimo la spesa corrente, avendo ridotto le posizioni apicali in organico da 7 a 4, deliberato l’uscita dall’Unione dei Comuni e dalla gestione associata del Suap e accelerato la messa in liquidazione della società Arcobaleno con l’esternalizzazione dei relativi servizi. In prospettiva si sta operando per riportare nel più breve tempo possibile la riscossione all’interno della struttura comunale, in modo da evitare gli onerosi costi di gestione della società Risco».
Dopo l’approvazione del consuntivo 2012 senza la quale si provoca lo scioglimento per legge del consiglio comunale, tutta l’azione dell’amministrazione è proiettata verso il previsionale 2013, «speriamo di poterlo portare ad approvazione nel più breve tempo possibile con l’obiettivo primario, grazie alle numerose operazioni di taglio alla spesa corrente, di non aumentare la tariffa Tares rispetto alla Tarsu, risultato oltremodo ambizioso se si considera che in media i Comuni vedranno un aumento del 30% rispetto al 2012».


«NESSUNA DISCONTINUITA’ CON AMMINISTRAZIONE D’AMBROSIO»
«La nuova maggioranza ha approvato il Bilancio Consuntivo segnando la continuità con l’Amministrazione D’Ambrosio», commentano Gianni Filippone e Massimo Di Tonto (Pianella Amica), «come suggellata dalla presenza nella nuova maggioranza dei consiglieri Pozzi, Minetti e Faieta già assessori dell’ex Sindaco D’Ambrosio».
Per i due consiglieri Marinelli non avrebbe rispettato il programma elettorale della propria lista, “Progetto Comune”, che prevedeva la certificazione del Bilancio Comunale. «Non ha verificato le anomalie sui residui attivi iscritti in Bilancio Consuntivo 2012. Ingenti residui riferibili agli anni precedenti al 2008, dei quali non vi sono certezze di riscossione. Non ha accertato le responsabilità degli ex Amministratori di maggioranza rispetto alle problematiche finanziarie in essere nel Comune di Pianella. Non ha apportato, nel termine indicato, nessuna modifica al Bilancio, a fronte “delle irregolarita’, rilievi, considerazioni e proposte” segnalati nella relazione del Revisore dei Conti».
Per i due consiglieri, dunque, «o vi è continuità tra vecchia e nuova maggioranza o l’ex sindaco D’Ambrosio ha lasciato un Comune senza gravi problemi finanziari e quindi Marinelli ha mentito agli elettori durante la campagna elettorale».