IL FATTO

Festival pirotecnico Lanciano, ultimatum al Comune: «risposte entro martedì o salta tutto»

L’associazione ‘Eventi pirici’ ha speso già 80 mila euro

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2418

Festival pirotecnico Lanciano, ultimatum al Comune: «risposte entro martedì o salta tutto»

 

 




LANCIANO. «Se entro martedì 2 luglio, il Comune non ci darà la rassicurazione che tutti i permessi e le autorizzazioni necessarie sono disponibili, mio malgrado sarò costretto ad annullare la prima edizione del Festival dell'Arte Pirotecnica».
Lo puntualizza Vittorio Salvatore, presidente dell'Associazione 'Eventi Pirici', che ribadisce di non volere in alcun modo entrare nella polemica politica esplosa dopo l'annuncio dell'inagibilità dell'ippodromo Villa delle Rose.
Ieri l’ex sindaco Filippo Paolini (Pdl) si è tirato fuori dalla vicenda ma il problema resta.
Oggi si sa con certezza che il Festival non inizierà domenica 30 giugno, come previsto, perché manca l’autorizzazione. Probabilmente sarà recuperato nelle prossime settimane.
La Commissione di vigilanza comunale sui pubblici spettacoli, riunitasi il 25 giugno 2013, ha infatti subordinato il parere favorevole all’ottenimento per l’ippodromo del certificato prevenzioni incendi.


«Non è compito mio – sottolinea Salvatore – entrare in questo dibattito. Mi preme però rimarcare che finora, per allestire questa manifestazione, abbiamo speso 80mila euro, oltre a mesi di lavoro. Organizzare un Festival di questo tipo, infatti, non è come organizzare un concerto musicale: ci sono decine di aspetti su cui concentrarsi. Per questa ragione, se martedì non avremo la certezza matematica che tutto è in regola, non avrò altra scelta che sospendere la rassegna. Per mettere a punto i dettagli organizzativi di ciascuna serata, infatti, occorrono non meno di 5 giorni. Tutto deve essere controllato nei minimi particolari e nulla può essere lasciato al caso. Quindi, per poter allestire lo spettacolo di sabato 6 luglio, entro martedì dobbiamo avere certezze. E si tratta di un termine perentorio».
Questa mattina Vittorio Salvatore ha avuto un incontro informale con il vice sindaco Pino Valente, che ha assicurato che il Comune sta facendo tutto il possibile per risolvere i problemi che si sono presentati e che hanno fatto 'saltare' la serata inaugurale già fissata per domenica. 


«Mi auguro – continua il presidente – di poter recuperare anche questo spettacolo nelle prossime settimane. Il mio rammarico, però, è che in questa città tutto è più difficile che altrove e ho avuto modo di verificarlo in tanti anni di attività, anche all'estero. Io non voglio rinunciare al Festival, inserito nelle manifestazioni del Settembre Lancianese, ma l'impressione è che si stiano sottovalutando le potenzialità di questa iniziativa, costata zero euro al Comune, e che avrebbe portato a Lanciano decine di migliaia di persone, con positive ricadute per le attività commerciali e l'immagine turistica. Basta vedere la folla che accorre a ogni festa di paese, richiamata dai fuochi pirotecnici e immaginare cosa significherebbe per la nostra città. Di contro, però, sono stato molto contento che già una decina di Comuni del circondario abbiano dato la propria disponibilità a ospitare una o più serate del Festival, a dimostrazione della validità del mio progetto».