L'APPELLO

Discarica Bussi, Blundo (M5S) in Senato «il governo intervenga, situazione drammatica»

«Servono almeno 150 milioni di euro»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3284

Discarica Bussi, Blundo (M5S) in Senato «il governo intervenga, situazione drammatica»

Discarica Bussi, Blundo (M5S) in Senato «il governo intervenga, situazione drammatica»
«Servono almeno 150 milioni di euro»
Discarica, bussi, wwf, diossina, senato, bonifica
BUSSI. Intervenendo al Senato Enza Blundo la parlamentare abruzzese  del Movimento 5 Stelle ha denunciato la drammatica situazione della discarica di Bussi. 
«Segnalo a quest'aula e al Governo la drammatica situazione ambientale e sanitaria presente nell'area di Bussi sul Tirino in provincia di Pescara – ha detto Blundo, rappresentante al Senato del Movimento 5 Stelle- sede storica di uno dei poli chimici più inquinanti d'Italia. Qui , infatti, per molti anni sono stati illegalmente smaltite sostanze tossiche e cancerogene, come cloroformio, tetracloruro di carbonio e triclorobenzeni, provenienti dagli stabilimenti chimici della zona». 
L'estrema gravità della situazione è stata anche recentemente confermata dal WWF, che diffondendo i dati dell'attività di monitoraggio del sito, ha senza mezzi termini etichettato il quadro come " sconfortante". 
Nelle analisi infatti riferite al sito industriale, ai pozzi spia a valle del sito e a quelli situati nella Valle del Pescara, si rilevano notevoli e molteplici superamenti delle  Concentrazione Soglia della Contaminazione sia della falda superficiale sia di quella profonda, oltre che nei terreni, con conseguenti gravissimi rischi per la salute dei cittadini. 
«Nel sito», ha detto ancora la senatrice, «è presente una quantità di diossina, materiale non degradabile, superiore di circa 24 volte rispetto al tasso consentito, che contribuisce a contaminare ancora di più l’intera area». Lasciando da parte l'aspetto giudiziario della vicenda che vede il rinvio a giudizio, da parte del Gup  di Pescara, di ben 19 persone, Blundo ha chiesto un intervento immediato del governo per la bonifica del territorio.   
«Attualmente i rifiuti restano depositati nella valle, coperti da un telone, e nonostante la necessità di una immediata bonifica, per la quale non sono sufficienti i 50 milioni stanziati occorrerebbero almeno 150 milioni di euro, i lavori non accennano ad iniziare.  Bisogna intervenire subito, senza tentennamenti e accertare le responsabilità dei vecchi e dei nuovi proprietari, anche ai fini dei risarcimenti. In conclusione si deve necessariamente e rapidamente procedere ad una scrupolosa e concreta bonifica dell'area nell'esclusivo interesse della salute dei cittadini», ha concluso la parlamentare abruzzese del Movimento 5 Stelle. 
BUSSI. Intervenendo al Senato Enza Blundo la parlamentare abruzzese  del Movimento 5 Stelle ha denunciato la drammatica situazione della discarica di Bussi. 
«Segnalo a quest'aula e al Governo la drammatica situazione ambientale e sanitaria presente nell'area di Bussi sul Tirino in provincia di Pescara – ha detto Blundo, rappresentante al Senato del Movimento 5 Stelle- sede storica di uno dei poli chimici più inquinanti d'Italia. Qui , infatti, per molti anni sono stati illegalmente smaltite sostanze tossiche e cancerogene, come cloroformio, tetracloruro di carbonio e triclorobenzeni, provenienti dagli stabilimenti chimici della zona». L'estrema gravità della situazione è stata anche recentemente confermata dal Wwf, che diffondendo i dati dell'attività di monitoraggio del sito, ha senza mezzi termini etichettato il quadro come "sconfortante". 

Nelle analisi infatti riferite al sito industriale, ai pozzi spia a valle del sito e a quelli situati nella Valle del Pescara, si rilevano notevoli e molteplici superamenti delle  Concentrazione Soglia della Contaminazione sia della falda superficiale sia di quella profonda, oltre che nei terreni, con conseguenti gravissimi rischi per la salute dei cittadini. 

«Nel sito», ha detto ancora la senatrice, «è presente una quantità di diossina, materiale non degradabile, superiore di circa 24 volte rispetto al tasso consentito, che contribuisce a contaminare ancora di più l’intera area». Lasciando da parte l'aspetto giudiziario della vicenda che vede il rinvio a giudizio, da parte del Gup  di Pescara, di ben 19 persone, Blundo ha chiesto un intervento immediato del governo per la bonifica del territorio.   

«Attualmente i rifiuti restano depositati nella valle, coperti da un telone, e nonostante la necessità di una immediata bonifica, per la quale non sono sufficienti i 50 milioni stanziati occorrerebbero almeno 150 milioni di euro, i lavori non accennano ad iniziare.  Bisogna intervenire subito, senza tentennamenti e accertare le responsabilità dei vecchi e dei nuovi proprietari, anche ai fini dei risarcimenti. In conclusione si deve necessariamente e rapidamente procedere ad una scrupolosa e concreta bonifica dell'area nell'esclusivo interesse della salute dei cittadini», ha concluso la parlamentare abruzzese del Movimento 5 Stelle.