AMBIENTE

Contrada Nora, D’Incecco (M5S): «sanificare e bonificare subito la discarica»

Progetto ambizioso per l’area

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1527

Contrada Nora, D’Incecco (M5S): «sanificare e bonificare subito la discarica»




PIANELLA. «Il progetto di sanificazione e bonifica di contrada Nora non è più rinviabile»
Serena D'Incecco, candidata sindaco del M5S di Pianella, promotrice dell'incontro ambientale tenutosi il 12 maggio ha raccolto la denuncia del professor Francesco Stoppa, Ordinario di Geochimica dell'Università D'Annunzio.
Erano presenti varie associazioni di Villa Badessa, Cepagatti, il candidato sindaco del M5S di Cepagatti Daniele Fiucci che hanno dato massima disponibilità a collaborare, sostenuti dai deputati a 5 stelle Daniele Del Grosso e Gianluca Vacca.
La D'incecco si è detta disponibile ad aprire un tavolo tra tutte le forze. «La presenza della discarica di Pianella», ha spiegato la candidata, «è un esempio di un procedimento contorto ed abnorme che ha generato un processo penale che è attualmente in corso». Impostata su un sito già inquinato da precedenti discariche incontrollate, «è stata poi lasciata in incuria generando inquinamento della falda e del suolo con sostanze come l'Arsenico e il Cromo esavalente, estremamente tossiche e pericolose per la salute».


Nel frattempo è stato scaricato abusivamente materiale industriale inquinante e gli è stato appiccato fuoco generando altri problemi.
Si è proceduto a un tentativo di sovrapporre a questa situazione un'ulteriore discarica. «Il sito è inadatto per la presenza di un corso d'acqua a meno di 20 metri dalla discarica che origina dal laghetto curato», è stato spiegato nel corso dell’incontro, «la Nora che è una zona di pregio ambientale e i terreni agricoli vicini ricevono la massima dose di inquinanti. I suoli sono parzialmente permeabili agli inquinanti e il versante collinare è in frana. Il tutto è un chiaro esempio di procedura sbagliata, antieconomica e invasiva nei confronti dei confinanti territori di Rosciano e Cepagatti. Il progetto è il rovesciamento della situazione».
La proposta del Movimento 5 Stelle è quella di bonificare, strutturare un percorso turistico legato alle risorse agricole, ai beni culturali, associazioni botaniche e faunistiche ripariali, attività cooperative legate alla fitodepurazione e all'agricoltura di specie alternative per la bio-costruzione e bio-carburanti. «Da una discarica», spiega D’Incecco, «sorgerà un attività non solo salubre ed economicamente produttiva ma anche educativa».