FONDI PUBBLICI

Incendi 2007, ad Abbateggio 2 mln di danni: «risarcimenti mai arrivati»

Il sindaco Di Marco protesta: «mai sapute le ragioni»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1267

INCENDIO FORESTALE





PESCARA. Furono 149 i comuni abruzzesi, di cui 22 della provincia di Pescara, che nella torrida estate del 2007 furono devastati dagli incendi.
Ad oggi, però, non un euro di risarcimento è stato elargito ai Comuni dalla Regione. L’assessore provinciale Mario Lattanzio, poi, nonostante fosse stato sollecitato, ormai tre anni fa, dal capogruppo Pd Antonio Di Marco ad intervenire presso l’ente regionale, non ha mai risposto all’appello.
«Nell’estate del 2007 roghi dolosi provocarono ingentissimi danni i cui indennizzi non sono mai stati erogati dalla Regione – ricorda Di Marco, sindaco Di Abbateggio -. Eppure, la Presidenza del consiglio
dei ministri stanziò all’epoca 5 milioni di euro destinati a tutti quei Comuni italiani, di 7 regioni, colpiti dagli incendi».
Abbateggio, fra quelli abruzzesi, fu fra i più danneggiati, con circa 10 ettari fra coltivazioni di vigneti e uliveti in fumo, così come 50 ettari di bosco e sterpaglie, diverse case ancora inagibili e con i proprietari che abitano altrove, numerose costruzioni agricole.
«I danni», ricorda Di Marco, «furono stimati in circa 2 milioni di euro, ma di quei fondi non abbiamo ancora visto un euro. Tre anni fa presentai sul tema un’interrogazione urgente, per capire il perché di questi ritardi,
alla luce del fatto che Teramo e i suoi Comuni danneggiati dall’alluvione del 2011 hanno ricevuto subito il rimborso che gli spettavano. Ad oggi non ho ancora ricevuto una risposta. Eppure, subito dopo gli incendi, la Regione non attivò la procedura di erogazione dei fondi ed è incredibile che l’ente provinciale, dello
stesso colore politico di quello regionale, non sia riuscito ad ottenere ciò che ci spettava. Chiedo al presidente Testa di incontrare il governatore Chiodi e di sollecitare immediatamente l’erogazione di
questi fondi. Non è più tollerabile che provincia di Pescara sia considerata di serie B rispetto alle atre, specie a Teramo».