LA DENUNCIA

Abusi edilizi, Sel contesta amministrazione comunale: «troppa lentezza»

«Bisognerebbe procedere speditamente»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2038

Abusi edilizi, Sel contesta amministrazione comunale: «troppa lentezza»




PINETO. Il circolo ‘I cento passi’ di Sel contesta il fatto che la macchina amministrativa locale proceda con estrema lentezza su argomenti «molto gravi e di elevata urgenza».
Il riferimento è all’istruttoria di pratiche di condono edilizio «di abusi oramai acclarati e non sanabili». Vorrebbero, in pratica, che si andasse più spediti e si lasciasse trascorrere meno tempo.
Il partito fa riferimento anche al complesso turistico residenziale denominato Green Bay Village situato in via Stati Uniti D’America all’interno della lottizzazione Guardiani alle spalle dell’Area Marina Protetta Torre Cerrano, la stessa zona, che pochi mesi fa ha visto configurarsi la messa in atto di un sequestro da parte del Comando della Guardia Forestale di Atri per abuso dell’edificio della Kubo srl .
Il complesso residenziale turistico nella richiesta della facoltà a condonare i sottotetti della struttura ha ricevuto parere negativo anche dalla Regione.
«Dal quadro delineato», denuncia Sel, «si deduce chiaramente che nel nostro comune mancano l’azione di controllo ma soprattutto la volontà di voler intervenire, poiché la situazione descritta è depositata agli atti dell’ufficio competente da diverso tempo. Premesso che noi di Sel siamo a priori contrari all’abusivismo edilizio ed in genere alla pratica dei condoni, ci chiediamo come mai tali pratiche non vengano istruite e come mai la legalità venga perseguita soltanto attraverso la pratica delle multe ai cittadini per infrazioni stradali e mai con la confisca o l’abbattimento di evidenti abusi urbanistici di alcune imprese edili. Siamo ad evidenziare inoltre che nel caso ci si trovasse ad optare per la confisca di un bene oggetto dell’abuso, lo stesso potrebbe essere acquisito dal Comune e dalla comunità per azioni di scopo sociale»