POLITICA

Lanciano. Terreni e arretrati Ici, Caporale: «cifre esorbitanti ed errate»

Presentate osservazioni ai calcoli del Comune

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1955

Lanciano. Terreni e arretrati Ici, Caporale: «cifre esorbitanti ed errate»


LANCIANO. Lo aveva preannunciato e lo ha fatto.
Alex Caporale, consigliere della lista civica Uniti per Lanciano, ha depositato in questi giorni in Comune le osservazioni per contestare i valori attribuiti ai terreni che hanno fatto scattare cifre elevatissime di Ici da pagare.
«I valori attribuiti ai terreni per il pagamento degli arretrati degli anni 2009, 2010, 2011 non ci piacevano e non ci piacciono, erano e sono fuori da ogni logica», spiega Caporale, «hanno costretto migliaia di lancianesi a pagamenti di somme esorbitanti mettendo in ginocchio l’economia della nostra città, gettando nella disperazione migliaia di famiglie».
Nei mesi scorsi si sono susseguiti incontri con i cittadini, in particolare nelle contrade di S.Onofrio, Rizzacorno, Villa Pasquini, Villa Andreoli, Villa Elce, Serre. Il 14 e il 27 luglio si sono tenute anche due manifestazioni di protesta. Ora quest’ultimo tentativo: i lancianesi sperano.
«Il Comune di Lanciano dovrà dirci qualcosa, dovrà argomentare la richiesta di somme assurde», continua Caporale, «dovrà assumersi la responsabilità di continuare a vessare le famiglie lancianesi. Noi abbiamo
argomentato le nostre richieste di revisione dei valori dei terreni, l’amministrazione di Lanciano dovrà argomentare e far sapere se intende andare incontro alle richieste di cittadini disperati oppure se non tenerne conto ed andare avanti dimostrando di vivere fuori dalla realtà».