POLITICA

Pescara Gas, proroga del contratto fino al 2014

Richiesta della partecipata per ammortizzare i costi

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1666

Pescara Gas, proroga del contratto fino al 2014




PESCARA. E’ stata approvata all’unanimità in Consiglio comunale la proposta di proroga al 2024 del contratto con la società Pescara Gas, interamente partecipata dal Comune.
Il provvedimento è stato richiesto dalla stessa Pescara Gas per riuscire ad ammortizzare l’onere dei 4milioni di euro di mutuo ottenuti per la sostituzione di quasi 3mila punti luce sull’intero territorio cittadino, senza costringere l’Ente a chiudere il bilancio in perdita d’esercizio. Adesso passerà al vaglio dell’assemblea dei Soci già convocata per martedì prossimo, 2 aprile, quando peraltro Pescara Gas assumerà il nome di Pescara Energia.
«Nel 2005 – ha brevemente ricordato l’assessore Marcello Antonelli – il Comune di Pescara ha costituito la società Pescara Gas, con capitale interamente pubblico, alla quale la nostra amministrazione comunale ha conferito la gestione delle proprie reti e degli impianti di distribuzione del gas, con riscatto delle reti e degli impianti stessi, riuscendo poi a chiudere anche un contenzioso importante con Enel Gas e, nelle more, il Consiglio comunale ha poi deciso di affidare a Pescara Gas anche la gestione degli impianti della pubblica illuminazione e degli impianti semaforici. Va sottolineato che oggi Pescara Gas è un gioiello del nostro Comune e ha, tra le proprie attività in corso, la realizzazione di importanti investimenti tesi al miglioramento e alla messa in sicurezza dei nostri punti luce cittadini».
Il contratto per la gestione delle reti tra il Comune di Pescara e Pescara Gas scadrà il prossimo 31 dicembre 2014, tuttavia da parte dell’Amministratore Unico, Tullio Tonelli, è pervenuta la richiesta di poter prorogare la convenzione sino al 31 dicembre 2024 proprio per poter ammortizzare gli investimenti in corso in un arco di undici anni anziché appena due.


«La giunta ha già ritenuto meritevole la richiesta che riteniamo un atto dovuto per mettere la nostra società municipalizzata in condizioni di operare al meglio nel disbrigo delle proprie attività», ha detto Antonelli.
La delibera è stata approvata all’unanimità dal Consiglio comunale, «e ora – ha proseguito l’assessore Antonelli – già per il prossimo 2 aprile è stata convocata l’Assemblea dei Soci per l’adozione dei provvedimenti consequenziali. Come previsto nel nuovo contratto, il Comune corrisponderà alla Società Pescara Gas un canone determinato nel Piano Economico Previsionale che, per il 2013, corrisponde a 2milioni 250mila euro, e, per gli anni successivi, sino al 2024, a 3milioni 150mila euro oltre Iva. Nel corso dell’Assemblea potrà già essere approvato il cambio di denominazione da Pescara Gas a Pescara Energia, proprio perché intento dell’amministrazione è quello di cedere alla società la gestione di tutti gli impianti energetici della città con le relative pianificazioni di investimenti».
Intanto il Consiglio comunale ha approvato, con 17 voti a favore e 1 astenuto, la modifica della denominazione della Chiesa Ortodossa Romena che verrà realizzata in via Caduti per Servizio, e che assumerà il nome di ‘Parrocchia Ortodossa Romena dei Santi Simeone il Giusto e Anna Profetessa di Pescara’.