POLITICA

San Salvo, sindaco Magnacca apre al bilancio partecipato: «serve supporto di tutti i cittadini»

Approvazione entro fine aprile

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1959

San Salvo, sindaco Magnacca apre al bilancio partecipato: «serve supporto di tutti i cittadini»

Tiziana Magnacca






SAN SALVO. Il sindaco Tiziana Magnacca è «fortemente preoccupata» per l’impatto che avranno sui cittadini le nuove tariffe che l’amministrazione dovrà adottare a causa dei criteri imposti dal governo Monti e i cui effetti si avranno nei prossimi mesi sul pagamento della Tares.
Aumenti stabiliti per legge dallo Stato a cui i comuni di tutta Italia devono attendersi senza avere alcuna possibilità di mitigarne il peso sulle famiglie e sulle aziende.
«Avverto la necessità di chiedere la collaborazione di tutta la comunità», spiega il primo cittadino, «cosa che avverrà nei prossimi giorni, con l’adozione del bilancio partecipato, anche attraverso l’uso del web, che consentirà di raccogliere i pareri ma soprattutto i suggerimenti dei cittadini, i quali potranno indicare le loro priorità, per uno strumento amministrativo che regola la vita del nostro ente comunale».
Bilancio partecipato perché i sansalvesi, sottolinea Magnacca, «devono contribuire anche con le loro idee allo sviluppo di San Salvo perché solo insieme si può realizzare una città a misura di cittadino».
«Vedo, in questo momento, un atteggiamento di scarsa consapevolezza da parte delle minoranze», va avanti il primo cittadino, «le quali non hanno la percezione che sono cambiate le norme per la formulazione del bilancio. Dire che aumentano le tasse senza avere l’onestà di spiegare perché ciò accade è davvero da irresponsabili. Lo Stato ci costringe con la Tares, solo per fare un esempio, ad aumentare la tassazione di 30 centesimi a metro quadro. Risorse che lo Stato indirizza per la sistemazione delle strade e della pubblica illuminazione e i Comuni non possono fare nulla».
L’amministrazione sta predisponendo il bilancio consuntivo che dovrà essere approvato entro il 30 aprile, seppur con l’incognita di ulteriori modifiche. Magnacca si dice sorpresa dell’intervento di Agostino Monteferrante, segretario cittadino del Pd: «evidentemente dimostra di essere poco informato sulle nuove norme: bastava telefonare all’ufficio ragioneria per essere aggiornato. Mi meraviglia ancor più constatare la sollecitazione a fare presto da una parte politica che ha dimostrato incapacità amministrativa, tanto da consegnare il Comune di San Salvo nelle mani del commissario prefettizio, per essere caduti proprio sul bilancio. Monteferrante ha la memoria corta a dispetto della sua età. E lo voglio rassicurare, così se ne fa una ragione, la maggioranza in questo Comune non solo è solida e coesa, ma è determinata a governare per il bene della città indicando le linee programmatiche per lo sviluppo sostenibile».