POLITICA

Montesilvano, cominciano le consultazioni per la nuova giunta. Silli: «azzeramento eccessivo»

Intanto bagarre tra i renziani

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2097

comune montesilvano




MONTESILVANO. Cominciano nel pomeriggio di oggi le consultazioni tra il sindaco Attilio Di Mattia e le forze di maggioranza.
Settimana importante per il governo cittadino. Il sindaco deve riformare la sua squadra e da questo pomeriggio inizierà un confronto con i partiti che lo sostengono. Subito dopo Pasqua Di Mattia vorrebbe inaugurare la nuova giunta che si preannuncia poi non così diversa da quella sospesa in toto una settimana fa. Il sindaco spiega che l’azzeramento è dovuto solo ad una insoddisfazione generale su quanto fatto in questi primi otto mesi e gli assessori sono sul filo del rasoio. Intanto a meno di 15 giorni dalla sentenza del Consiglio di Stato che potrebbe dire sì ad possibile rientro in consiglio del capolista de "Il Popolo di Montesilvano", Lorenzo Silli, esprime dubbi su quanto avvenuto.
«La notizia dell'azzeramento della giunta ci coglie di sorpresa», ammette Silli che spiega di non comprendere la motivazione di un gesto «così eclatante» che «destabilizza la città».
«Siamo per la meritocrazia e siamo convinti che chi fa deve essere premiato e chi non fa no», assicura Silli. «Ci sembra pero' eccessivo azzerare una giunta ed evitare di effettuare passaggi come rimpasto di deleghe sempre dopo una attenta valutazione di chi ha realmente dato e portato avanti nel miglior modo possibile le proprie deleghe. Tutto cio' segna un momento di crisi per la maggioranza, crisi che non viene nascosta dal sindaco dopo questo gesto eclatante».
Per Silli è «giusto fermarsi e tirare le somme giusto fare uno startup che penalizzi chi non ha assolto ai propri compiti o che ha rallentato la macchina amministrativa ma e' anche giusto che vengano riconosciuti gli amministratori che in questi mesi di governo si sono distinti e hanno prodotto a favore della citta' mettendosi a disposizione dei cittadini e alla risoluzione delle loro richieste e problematiche. Siamo convinti che chi merita deve andare avanti, chi non merita deve essere sostituito. Esprimiamo solidarietà e apprezziamo per l'operato degli assessori che si sono distinti in questi mesi di governo in particolar modo all'assessore Anthony Aliano».

TRA I RENZIANI VOLANO GLI STRACCI
Non si placano le tensioni, invece, tra i renziani. Nei giorni scorsi Evenio Girosante, del comitato “Tornare a volare con Matteo Renzi”, aveva espresso critiche all’operato di Di Mattia. Subito dopo erano intervenuti la coordinatrice regionale Alexandra Coppola e il consigliere Talanca che avevano preso le distanze da quanto affermato da Girosante. Ora quest’ultimo parte all’attacco: «vorrei sapere dalla coordinatrice Regionale di Matteo Renzi quando è stata eletta, dove e con quale platea. Le voglio ricordare che i comitati Matteo Renzi (con sede fisica) iscritti e riconosciuti dallo stesso sono 3, tra cui 2 a Montesilvano e uno a Pescara in tutta provincia. Di tutti i candidati alle primarie che Renzi sosteneva (vedi sito nazionale) non c’è ombra del nome Coppola. Del suo comitato iscritto non vi è traccia (vedi sito nazionale di Matteo Renzi), quindi è meglio che questa giovinotta si metta un po’ tranquilla e pensi di fare politica tra la gente e non arrogarsi della politica per vie brevi. Inoltre nella scorsa campagna elettorale lei era la factotum al servizio del candidato sindaco Di Mattia (mi sembra a suo dire non retribuita) e che la campagna elettorale è finita, ed i risultati del sindaco da lei sostenuto sono sotto gli occhi di tutti».
Girosante ne ha anche per Talanca «vorrei ricordare che il Comitato “Tornare a volare con Matteo Renzi” ha una sede fisica dove le persone e soprattutto i giovani si incontrano per discutere e parlare di politica, invece non conosco la sede del suo comitato. Lui sarà stato anche l’unico consigliere che si è impegnato alle primarie, ma come scrutatore. Non intendo rappresentare il consigliere Talanca anche perché nelle sue innumerevoli azioni politiche, non mi riconosco».