VERDE PUBBLICO

Spoltore, «più verde pubblico». Movimento 5 stelle: «la legge è chiara, si rispetti»

«9 metri quadri di area verde per ogni cittadino»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1720

Spoltore, «più verde pubblico». Movimento 5 stelle: «la legge è chiara, si rispetti»




SPOLTORE. Il Movimento 5 Stelle di Spoltore presenterà al prossimo Consiglio comunale una mozione che impegna l’amministrazione comunale a «dare immediata esecutività agli indirizzi e alle prescrizioni della Legge 10 del 14 gennaio 2013».
La legge in questione contiene una serie di richiami a vecchie norme in materia di implementazione degli spazi verdi a uso pubblico oltre alla possibilità per i comuni di promuovere l’aumento delle superfici verdi. La legge inoltre prevede provvedimenti per la manutenzione delle stesse aree e la formazione degli operatori del settore. Uno specifico articolo, infine, prevede la possibilità per i comuni di censire in appositi elenchi quelle piante monumentali, isolate o a filari, che costituiscono un elemento caratterizzante e irrinunciabile della bellezza del nostro paesaggio.
La norma contiene, tra l’altro, espliciti richiami al decreto 1444 del 1968 (norma che impone precisi rapporti urbanistici e in particolare per gli spazi verdi prevede un minimo di 9 mq per abitante) e alla legge 113/92 che prevede che ogni comune pianti un nuovo albero in appositi spazi verdi ad uso pubblico, per ogni nuovo nato una vota iscritto all’anagrafe comunale. In entrambi i casi si danno disposizioni per far sì che tali leggi vengano rispettate.
«Sono cose che succedono solo in Italia – commenta ironico Carlo Spatola Mayo, consigliere comunale del Movimento 5 Stelle – una legge che imponga il rispetto di altre leggi. Uno infatti si domanda: ma se finora vigeva l’obbligo urbanistico di avere 9 mq di spazi dedicati al verde pubblico, il che significherebbe per Spoltore 17 ettari di parchi, chi ha approvato sinora i piani regolatori dei comuni come il nostro che faceva, dormiva? O non conosceva le leggi? O non se ne interessava? E se dal 1992 ad oggi si fosse rispettato l’obbligo di legge di piantare un albero per ogni nuovo nato oggi esisterebbe da qualche parte nel nostro comune un parco con diverse migliaia di nuove piante».
C’è poi la possibilità di creare elenchi di piante monumentali da sottoporre a speciali tutele sul territorio comunale. Recentemente, infatti, l’associazione spoltorese Fontevecchia ha segnalato agli enti territoriali e agli organi d’informazione la necessità di vincolare ai sensi nella nuova legge 10/13 alcune querce monumentali e alcune filari di querce lungo le strade comunali. E’ un invito che il Movimento 5 Stelle di Spoltore accoglie e fa suo integrandolo nella mozione in questione: «speriamo venga votata favorevolmente nel corso del prossimo Consiglio comunale».