TASSE

Imu, solo otto amministrazioni riducono l’imposta su terreni e fabbricati

La delusione di Coldiretti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1637

Imu, solo otto amministrazioni riducono l’imposta su terreni e fabbricati



CHIETI. Sono otto i Comuni della provincia di Chieti che, rispondendo all’appello lanciato lo scorso anno dalle organizzazioni professionali agricole, hanno applicato l’Imu ridotta sui fabbricati e sui terreni agricoli. La ricognizione è della Federazione Provinciale Coldiretti Chieti che evidenzia un risultato «purtroppo lontano dalle aspettative».
«Nella nostra provincia ad abbassare l’aliquota sui terreni agricoli sono stati due Comuni su undici interessati dall’imposta, mentre a ridurre l’Imu sui fabbricati rurali sono state sei amministrazioni su quarantadue interessate», evidenzia il direttore provinciale di Coldiretti Chieti Giordano Nasini.
«A fronte del numero elevato dei Comuni esenti dall’imposta, ci aspettavamo una sensibilità maggiore anche in considerazione della forte vocazione agricola della provincia e dell’importante contributo del settore primario all’economia».
 Ad applicare l’Imu ridotta sono stati: Ortona e Tollo per l’imposta sui terreni; Chieti, San Giovanni Teatino, Fossacesia, Frisa, Canosa Sannita e Pollutri per i fabbricati rurali.
«Tutti i Comuni che non hanno risposto all’appello», commenta il presidente di Coldiretti Chieti Sandro Polidoro, «hanno perso un’occasione per riconoscere all’agricoltura il suo importante ruolo per lo sviluppo del territorio e dell’intera economia provinciale».
 E sulla vicenda IMU la delusione non si limita ai Comuni che non hanno risposto alla richiesta di riduzione dell’imposta.
«Non possiamo scordare che le imprese agricole sono ancora in attesa della restituzione dell’IMU che hanno pagato in eccesso, una restituzione già prevista dal Decreto salva Italia a cui avrebbe dovuto far seguito un decreto del presidente del consiglio dei ministri entro dicembre 2012», conclude Polidoro, «Una problematica di cui si è fatta portavoce la stessa confederazione nazionale negli incontri con i diversi leader degli schieramenti in lizza per le elezioni politiche».