POLITICA

Abruzzo/Unioni Civili, a Spoltore Pd presenta mozione

«Speriamo di trovare convergenza con altri partiti»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1416

Abruzzo/Unioni Civili, a Spoltore Pd presenta mozione




SPOLTORE. A firma dell’intero gruppo consigliare del Partito Democratico è stata presentata una Mozione per l’istituzione del Registro delle unioni civili nel comune di Spoltore.

«Le nostre linee programmatiche», spiega il capogruppo del Pd al Consiglio Comunale
Orazio D’Orazio, «hanno dettato la necessità di predisporre la Mozione il cui lavoro di preparazione, svolto dal consigliere Giordano Fedele, ha visto il confronto del gruppo consigliare e degli organismi del circolo del PD di Spoltore».
«Il tutto nasce dalla consapevolezza che la comunità cittadina, al pari di quella italiana, è caratterizzata dal crescere di forme di legami affettivi che non concretizzano nell’istituto del matrimonio e che si denotano per una convivenza stabile e duratura».
«Nel richiamare i principi dettati anche dalla costituzione dove già da tempo è stato ritenuto che l’ambito di riconoscimento e tutela dell’art. 2 della costituzione si estende sicuramente alla fattispecie della famiglia di fatto», commenta il segretario del Circolo PD, Stanislao Capone, «un registro delle unioni civili sarebbe una scelta di grande civiltà in quanto contribuirebbe all’integrazione nella nostra città di molte coppie di fatto ed eviterebbe limitazioni di diritti a livello locale considerando che il riconoscimento di tali unioni costituisce un atto di rispetto verso forme durature di convivenza fondate sull’amore e sulla solidarietà le quali non attentano alla famiglia tradizionale né deprimono il valore del matrimonio».
«E’ nostro auspicio», chiude D’Orazio, «trovare, nella dialettica, la massima convergenza con gli altri gruppi di maggioranza e minoranza al fine di rendere il Comune di Spoltore più vicino alle problematiche che garantiscono i diritti civili e sociali. Così come anche richiamato nei principi dello Statuto comunale all’art.5 “rimozione di tutti gli ostacoli che impediscono l’effettivo sviluppo della persona umana e l’eguaglianza degli individui».