ENTI STRUMENTALI

Ops, Di Giuseppantonio assicura: «non ci sarà nessuna chiusura»

Giovedì un emendamento per ritirare la messa in liquidazione

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2101

Chieti corso marrucino

Chieti


CHIETI. Si è tenuta questa mattina in Provincia una riunione di maggioranza alla presenza del presidente Enrico Di Giuseppantonio, dei capigruppo e dei rappresentanti dei partiti che sostengono la maggioranza in Consiglio Provinciale.

«Non vi sarà alcuna chiusura dell’Ops» (la società partecipata della Provincia che si occupa della verifica degli impianti termici e dei sistemi informatici dell’Ente) - sostiene Di Giuseppantonio – «quanto una razionalizzazione delle spese» necessaria ad affrontare il piano di rientro a cui la Provincia di Chieti aderirà per tornare alla normalità.
Questo, ha spiegato il presidente, comporterà una maggiore oculatezza nella gestione della spesa pubblica dell’Ente, secondo quanto previsto ed imposto dalla Corte dei Conti e dal Ministero dell’Interno per gli Enti locali, come la Provincia di Chieti, che hanno fatto richiesta allo Stato per aderire al cosiddetto piano di riequilibrio finanziario pluriennale.
«La difficile situazione economica di predissesto generata dai debiti ereditati ed accentuata dai numerosi tagli dei trasferimenti da parte dello Stato e della Regione», ha spiegato ancora Di Giuseppantonio, «ha costretto la Provincia, nello scorso 10 dicembre 2012, a fare richiesta per rientrare tra gli enti locali aderenti al piano di rientro frutto del decreto legge n.174 del 10/10/2012, convertito in legge il 7/12/2012. Tra i provvedimenti previsti dal piano, c’è quello di contenimento delle spese e di revisione dei costi generali, tra cui quelli addebitabili alle società partecipate che saranno interessate da una rivisitazione dell’organico ed una verifica sull’efficienza e sull’efficacia delle attività svolte. Il salvataggio della OPS passa attraverso questo importante ulteriore processo di spending review».
Giovedì 7 febbraio prossimo, in sede di Consiglio Provinciale sarà avanzato un emendamento sul ritiro della messa in liquidazione della Società in vista di una sua alternativa riorganizzazione ed ottimizzazione interna.