POLITICA

Montesilvano, Anelli (M5s): «finanziamenti a pioggia e soldi agli amici»

Il consigliere supera la verifica: «non ho paura di perdere la poltrona»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4201

Grillo e Anelli

Grillo e Anelli

MONTESILVANO. Nessun attaccamento alla poltrona tanto che gli eletti del Movimento 5 Stelle ogni tot mesi sono sottoposti ad una verifica.

Se il partito li promuove per quello che hanno fatto allora possono continuare ad amministrare, altrimenti tornano a casa. Ha superato brillantemente il suo esame (voto unanime) il giovanissimo (21 anni) consigliere di Montesilvano Manuel Anelli.
«Ringrazio tutti coloro che mi hanno seguito e mi stanno aiutando a crescere in questo mondo tutto nuovo per me», commenta. «Garantiamo ai cittadini la trasparenza in tutto ciò che facciamo, hanno anche la facoltà di dire che dopo sei mesi ho fallito». E Anelli lancia la sfida: «chiedete lo stesso agli altri rappresentanti delle istituzioni, vedete se hanno il coraggio di giocarsi la “poltrona”».
E sempre il consigliere focalizza la sua attenzione sui «regali» che l’amministrazione pubblica avrebbe elargito a Natale «ai più fidati». Anelli si riferisce ad alcune determine dirigenziali, «che lasciano sbigottiti». Finanziamenti «a pioggia e progetti poco chiari, direi oscuri».
Come i 4.500 euro dati con la determina 842 del 21 dicembre scorso all’associazione Il Popolo di Montesilvano per l’evento denominato “Nulla è Impossibile”, una iniziativa di sensibilizzazione sociale sui problemi della disabilità. «Ovviamente l’associazione», fa notare Anelli, «non è vicina all’amministrazione: vi era/è dentro. Con l’ex consigliere Lorenzo Silli uscito dall’assise comunale dopo la sentenza del Tar nell’ottobre 2012.
La maggioranza, della quale faceva parte Silli, dona 4.500€ ad un’associazione che è alle spalle di una lista civica con la quale lo stesso consigliere comunale è stato eletto in questa tornata elettorale».
«I fondi non andranno alla nostra associazione ma ai portatori di handicap e alla cittadinanza di Montesilvano con l'organizzazione di un evento sociale», replica Silli. «Siamo disposti a ritirare la nostra proposta e a dare spazio a chi vorrà realizzare questo progetto, che non sia “amico dell'amministrazione”. Proponiamo al Consigliere Anelli di portare avanti lui questo progetto utile alle persone con handicap e utile per la nostra città».

«35 COPIE DEL LIBRO ‘SUGGERITO’ DA GALLERATI»
Il Movimento 5 stelle accende i riflettori anche sulla determina numero 845 del 21 Dicembre 2012 che impegna l’acquisto di 35 copie del volume dal titolo: ‘Abruzzo 50 anni fa’ chieste dal presidente dell’Associazione Culturale Amatori Ferrovie di Montesilvano. Costo totale 1.600€.
«Cosa dovrebbero farci i cittadini di Montesilvano di queste 35 copie di un volume che interessa uno spicchio di lettori irrisorio, quando invece in Biblioteca non abbiamo neppure due copie del codice civile? Questione di priorità, qualcuno ha perso la bussola», denuncia Anelli.
«Questi 1.600€ sono destinati al museo del Treno, gestita da questa associazione che ne ha richiesto le 35 copie mentre il museo del treno apre solamente 4 ore alla settimana, la domenica e il lunedì. Poco tempo per tanti libri. Scarsamente fruibile».
Anelli tira in causa anche Renzo Gallerati, vicino all'associazione che avrebbe suggerito l'acquisto: «il libro è stato presentato in comune il 18 Dicembre 2012, con un accompagnamento musicale effettuato da Gallerati. Appena 3 giorni dopo il comune si impegna ad acquistarne 35 copie. Non si può che pensar male.
L’ex sindaco potrebbe trovare strade alternative per autofinanziare questa associazione invece di chiedere al Comune di Montesilvano».
I libri, rispondono dal Comune, verranno distribuiti nelle scuole della città e saranno a disposizione di tutti gli alunni e degli insegnanti.

UN PROGETTO DANZA
Il Movimento 5 stelle ha storto il naso anche davanti alla determina numero 844 del 20 Dicembre 2012 che assegna 4000 euro al "Progetto Danza", dedicato alle scuole. «Tanto tuonò che piovve, alla fine il Progetto Danza nella scuola civica di Musica che sembrava uscire dalla finestra», conclude Anelli, «rientra dal portone principale». Per il consigliere c’è qualcosa di ambiguo in questo progetto, «qualcosa che cerca di nascondersi per regalare un contentino a qualche consigliere. I 4.000 € vengono stanziati per questo progetto nelle scuole medie quando nelle scuole elementari manca il materiale per i bambini, mancanze denunciate dalle stesse maestre».