POLITICA

M5S: Grillo in Abruzzo per raccolta firme. Verifica semestrale per Anelli

Dimissioni se l’esito sarà negativo

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2683

Foto: Adamo Di Loreto

Foto: Adamo Di Loreto

MONTESILVANO. Verifica semestrale del mandato per il consigliere comunale di Montesilvano del Movimento 5 Stelle, Manuel Anelli.

Il consigliere venerdì prossimo chiederà all'assemblea del movimento di confermare la fiducia espressa dai cittadini. Se l'esito dovesse essere negativo, il consigliere si dice pronto a dimettersi e al suo posto subentrerà il primo dei candidati non eletti.
«Sono qui per rendere conto agli elettori del mio operato - spiega Anelli -. A sei mesi dal mio insediamento chiedo ai miei sostenitori la conferma della fiducia assegnatami il 6 e 7 maggio scorsi. Non è sufficiente - evidenzia il consigliere - la sola verifica che si attua ogni cinque anni in occasione delle elezioni».
 Quella di venerdì sarà la prima verifica cui il consigliere si sottoporrà volontariamente ogni sei mesi, nel rispetto del principio in base a cui «gli eletti sono dipendenti dei cittadini». Intanto proprio Anelli via Facebook annuncia che nel fine settimana arriverà in Abruzzo Beppe Grillo per aiutare il movimento con la raccolta firme.
«Ci vogliono tenere fuori dalle elezioni, ma ce la faremo, altrimenti lo scenario cambia», continua a dire il comico genovese ormai da settimane. «C'é già il 40% di astensionismo, se si aggiungono i 5-6 milioni di italiani che non possono votare il nostro Movimento, arriviamo al 60%. Non poi dirigere il paese con il sostegno del 30% degli aventi diritto. Il governo sarà destinato a fallire». Secondo Grillo, «poi non ci sarà più il nostro Movimento di incensurati, casalinghe e di persone normali, ma arriveranno movimenti più violenti, come in Grecia, in Ungheria e in Francia».
«Gli spagnoli vanno in piazza, nonostante il loro governo non abbia rubato, e noi non andiamo in piazza, nonostante il nostro governo abbia rubato tutto. Siamo troppo collusi, almeno 10 milioni di italiani sono collusi con questo sistema marcio», ha detto il leader di M5S.