SPENDING REVIEW

Pineto, Atri e Silvi uniscono le forze

Le tre città della bassa costa teramana insieme per migliori servizi e maggiore peso politico

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2639

Pineto, Atri e Silvi uniscono le forze
TERAMO. Pineto, Silvi ed Atri unite per un maggiore peso politico e in nome della spending review.

È quanto emerso ieri sera nel corso di un incontro che si è tenuto nella città ducale e che ha visto i consiglieri di maggioranza e opposizione dei tre centri della bassa costa teramana seduti al tavolo per immaginare un futuro diverso.
Grande motivazione è emersa da parte di tutti gli amministratori locali, che sono determinati ad andare fino in fondo con l’elaborazione di un vero e proprio progetto, da presentare entro fine dicembre, in grado di unire i servizi dell’intero territorio.
«Parlare di unione di Comuni è certamente ancora prematuro – è il commento del sindaco di Pineto Luciano Monticelli –, ma senza dubbio l’obiettivo è quello di mettere assieme le forze. Stiamo parlando di un comprensorio che vanta un ospedale, un tribunale, un commissariato di polizia e tanto altro. Insomma, un’area di ben 45mila abitanti che, se il progetto andasse in porto, crescerebbe anche per rilevanza e ruolo politico».
Dall’incontro di ieri sera è emersa la volontà di dar vita a una commissione composta da quattro rappresentanti per ogni Comune, due di maggioranza e due di opposizione, che, assieme ai tre sindaci, si metterà a lavoro per redigere una sorta di costituente.
«In vista dello svuotamento delle province – continua il primo cittadino pinetese, che assieme ai colleghi Gabriele Astolfi e Gaetano Vallescura si ritiene particolarmente soddisfatto dell’iniziativa  – si tratta di un’opportunità che consentirebbe un potenziamento dei servizi e, allo stesso tempo, la certezza di dire la nostra nelle principali sedi istituzionali».