AMBIENTE

Lanciano: «sospetti sul depuratore da 5 mln di euro»

La proposta del consigliere Caporale: «perché non spostarlo più a valle?»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2016

Lanciano: «sospetti sul depuratore da 5 mln di euro»

LANCIANO. Il nuovo depuratore di Lanciano in costruzione sorgerà in contrada Santa Croce, permetterà di depurare meglio gli scarichi, contribuendo a sanare il fiume Feltrino; costerà 5.000.000 euro e da affiancare a quello esistente
Il consigliere comunale del movimento “Ecologisti e Reti Civiche”, Alex Caporale consiglia, da qualche mese, di spostarlo più a valle. In questo modo, dice, numerose contrade di Lanciano (Torre Sansone, Sacchetti, Serroni) fino ad oggi sprovviste, sarebbero dotate anche di una rete fognaria visto che il depuratore del Comune di Treglio a breve dovrà essere sostituito.
Nel piano d’ambito 2010-2032 della Sasi (che nel suo ambito gestisce 141 impianti) sono previsti 67 milioni di investimenti per la depurazione, per creare impianti nei comuni sprovvisti e adeguare quelli esistenti.
Il 28 agosto scorso Caporale ha scritto al presidente della Sasi ed al sindaco di Lanciano, Mario Pupillo per chiedere «cosa pensassero della proposta di spostare più a valle il previsto depuratore di Lanciano: una proposta di spostamento più a valle condivisa da numerosi tecnici del settore (che vogliono però restare anonimi)».
Oggi, il consigliere è tornato a formulare la stessa domanda e non ha ancora ricevuto una risposta.
Il sospetto di Caporale «è che oggi si costruisce un depuratore e si spendono 5 milioni di euro, domani se ne costruirà un altro e magari si spenderanno altri 5 milioni di euro».
«Alla faccia dei soldi che non ci sono», ha commentato il consigliere, «alla faccia dei cittadini che pagheranno (con gli aumenti decisi nel Consiglio comunale del 30 luglio 2012) Imu al massimo (per la seconda casa, attività imprenditoriali, artigianali), l’Ici arretrato, l’Irpef al massimo, la Tarsu (tassa sui rifiuti) aumentata del 52% come dicono in molte trasmissioni televisive; le società partecipate dagli Enti Pubblici restano ancora lo sfogo per sistemare gli amici e gli amici degli amici (avessero almeno capacità e competenze o fossero del settore).Sì, dopo oltre 3 mesi di silenzio tombale, su questa vicenda penso a male: come non volevo credere quando richiesi un parere o una risposta».