POLITICA DELLE POLTRONE

Doppia poltrona e doppio compenso, il Movimento 5 Stelle interroga Di Mattia

«E’ ora di fare chiarezza»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3273

Doppia poltrona e doppio compenso, il Movimento 5 Stelle interroga Di Mattia
MONTESILVANO. Quanto guadagna un consigliere provinciale? E’ possibile prendere il doppio compenso per chi ricopre contemporaneamente la carica di consigliere comunale e provinciale?

Sono queste alcune delle domande che l’esponente del Movimento 5 Stelle, Manuel Anelli, ha inserito nella interrogazione al sindaco Attilio Di Mattia e che dovranno avere una risposta il prossimo 13 novembre.
Il movimento è contro le Province, tanto che nessuno degli attivisti guidati da Beppe Grillo si è mai candidato alle provinciali sin da quando il partito è nato. E considerando che i grillini sono anche contrari al doppio incarico per gli eletti nelle varie assisi (Comunali, Regionali o Parlamentari) è scattata l’interrogazione.
«In Italia c’è chi fa più di un lavoro per racimolare almeno uno stipendio e chi invece fa un solo lavoro e ottiene due stipendi», protesta Anelli. «Sono molti i politici eletti nei consiglieri comunali, provinciali, regionali, circoscrizionali per uno scandalo di proporzioni tali da far impallidire i rimborsi elettorali ai partiti. Ora è necessario avere chiarimenti».

Al momento a Montesilvano a ricoprire il doppio incarico sono in due (Di Mattia ha lasciato la Provincia dopo essere stato eletto sindaco): Lino Ruggiero (assessore al Commercio in Comune e consigliere in Provincia) e Vittorio Catone (in entrambi i casi consigliere di minoranza).

«Per la legge sulla trasparenza, vorrei sapere quanto guadagnano (magari con relativa documentazione)», chiede l’esponente del M5S di quanto, «è possibile prendere il doppio compenso (Comune-Provincia)? Se è vietato il doppio compenso, è vietato anche il rimborso chilometrico per chi ha il doppio incarico? A quanto può arrivare il rimborso chilometrico? Ha un tetto massimo? Non sarebbe opportuno dedicarsi solamente ad un'assise, considerando che oltre il doppio incarico molti hanno anche un'occupazione? È previsto anche un vitalizio o una pensione?»