IL CASO

«Vasto perderà lo sportello Equitalia»

Il presidente del consiglio comunale Giuseppe Forte: «inaccettabile ed ingiustificabile»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1421

«Vasto perderà lo sportello Equitalia»
VASTO. Vasto perderà la sede di Equitalia lungo viale Giulio Cesare, a fine anno.

Lo ha detto il presidente del consiglio comunale, Giuseppe Forte, che non nasconde una profonda amarezza.
«Si tratta di un'altra nuova mazzata con la soppressione di un altro ufficio», ha detto Forte, «che va ad aggiungersi ai tanti altri servizi già tagliati e trasferiti in altri Comuni della nostra regione».
La decisione, secondo il presidente del consiglio, è stata presa dai vertici della società che, in queste ultime ore, stanno facendo tentativi per trovare almeno un piccolo spazio dove sistemare uno sportello.
La chiusura del presidio, secondo Forte, graverà sui cittadini. «Un servizio come Equitalia, sebbene odiato dai cittadini, non può essere soppresso e trasferito altrove con altre perdite di posti di lavoro per questa città e con ingiustificabili danni nei confronti degli utenti di un così importante territorio che saranno costretti a raggiungere le sedi di Equitalia di Lanciano e Chieti per avere chiarimenti e per dipanare i problemi di natura fiscale. Attuare un provvedimento di chiusura proprio mentre si continua a discutere di soppressione di Province e, conseguentemente di servizi per i cittadini, è irresponsabile. Chi può faccia qualcosa per impedire questo nuovo ingiustificabile taglio».
L’allarme sul rischio chiusura lo hanno lanciato i consiglieri provinciali del Pd, mesi fa. I consiglieri hanno presentato un ordine del giorno urgente al presidente della Provincia Enrico Di Giuseppantonio preoccupati dal fatto che dopo la chiusura dell’ospedale di Gissi, la riduzione dei posti letto a Vasto, si potesse verificare questo ulteriore scippo.
Secondo alcuni la chiusura dell'ufficio di Vasto rientra in un disegno politico teso a colpire il vastese in un momento così difficile.